/media/post/e5cfh5t/amsterdam_musei_rijks.jpg

Amsterdam - Musei da non perdere

Le meraviglie della Piazza dei Musei e gli altri importanti istituti d’arte

Cosa vedere ad Amsterdam? Naturalmente i suoi musei! Ad Amsterdam ci si perde per i suoi canali più belli, e poi ci si ritrova a Museumsplein, la piazza che racchiude i musei da non perdere in città. Scopri qui la nostra lista di musei da non perdere ad Amsterdam!

 

A pochi passi dal centro storico di Amsterdam, la Museumsplein è un enorme spazio verde che in ogni periodo dell’anno è preso d’assalto dai turisti. Questo non solo a causa della sua bellezza, ma anche perché è circondato dalla più grande concentrazione di arte ad Amsterdam, e in tutti i Paesi Bassi. Basta fare un giro su stessi per ammirare il Rijksmuseum, lo Stedelijk, il Van Gogh Museum e il Concertgebouw.

 

(descrizione)

 

Il Rijksmuseum risale alla metà dell’Ottocento, e raccoglie la più grande collezione di opere fiamminghe al mondo. I suoi fiori all’occhiello sono le tele di Rembrandt e Vermeer, che ogni anno attraggono più di due milioni di visitatori. Nel 2013, il museo ha subito un’importante opera di restyling, che ne ha ridisegnato alcuni spazi, tra cui il padiglione dedicato all’arte asiatica, che raccoglie anche importanti reperti archeologici.

 

(descrizione)

 

Dopo otto anni di lavori, nel 2012 ha aperto al pubblico il nuovo Stedelijk, completamente dedicatoall’arte moderna e contemporanea, dalle avanguardie storiche del Novecento alle nuove esperienze tra i due millenni. Oltre alla mostra permanente, che ospita opere di Chagall, Cézanne e Malevich, lo spazio dedicato alle mostre temporanee fa da scenario a installazioni sempre nuove e opere di arte concettuale e land art dei protagonisti della scena dei nostri giorni.

 

(descrizione)

 

Il Van Gogh Museum è tra i 40 musei d’arte più visitati al mondo, e nel 2014 ha visto tra le sue sale quasi un milione e mezzo di persone. Al suo interno si trova la più grande collezione di dipinti e disegni del pittore di Zundert, tra cui i Mangiatori di Patate, gli indimenticabili Girasoli e nove suoi autoritratti. Oltre alle sue opere, è anche possibile ammirare alcuni capo-lavori di alcuni suoi contemporanei, come Manet, Monet, Gauguin e Toulouse-Lautrec.

 

Altri spazi espositivi arricchiscono il patrimonio artistico della capitale olandese. L’arte contemporanea è esposta anche al De Appel, che ospita un  fitto calendario di iniziative e performance, mentre il FOAM è interamente dedicato alla fotografia.
L’Hermitage, una succursale del museo di San Pietroburgo, si trova in un edi cio storico sulle rive dell’Amstel, e ospita mostre che illustrano il rapporto tra i Paesi Bassi e la Russia.

 

Chi è curioso di approfondire la storia marittima della città non potrà che visitare il Scheepsvaartmuseum, la collezione di barche più ampia del mondo, nonché un percorso storico alla scoperta del passato marinaro della città e della nazione.