/media/post/bqfz9vr/22-san_martino-622x466.jpg

Alto Adige, piaceri ad alta quota.

Le vacanze estive in un maso

Boschi, ruscelli, borghi curatissimi e spettacolari montagne. Questo è l’Alto Adige. E questo il leitmotiv del paesaggio altoatesino: uno scenario unico al mondo che si rivela, in ciascuna Valle, con differenti appeal. E differenti “piaceri”. Tutti da godere in alta quota.

 

I piccoli piaceri altoatesini

Può essere la curiosità del campanile sommerso che spunta dal lago di Resia, in Val Venosta; o la storia – arricchita di leggende che ancora sopravvivono – delle streghe di Fiè allo Sciliar, sull’Alpe di Siusi. Può essere il piacere di scoprire la terra natale dei cavalli Haflingher ad Avelengo, o quello di degustare i vini dei canonici agostiniani all’Abbazia di Novacella, in Valle Isarco.

 

(descrizione)

 

O ancora, può essere la conoscenza del Castelletto delle Erbe, in Val Martello, dove anche Reinhold Messner produce una linea di fitocosmetici e profumi naturali che portano il suo nome. E, a proposito di Messner, in cinque località dell’Alto Adige il più grande scalatore del mondo ha istituito altrettanti musei il cui logo sono tre “emme” maiuscole che scritte di seguito – MMM – danno come risultato grafico le creste alpine. L’acronimo equivale a Messner Mountain Museum.

Dalle feste folkloristiche dell’Alta Badia, ai raduni di kite surf in Val Venosta, fino al moderno winebar delle cantine Hofstatter di Termeno, passando per i migliori ristoranti che si fregiano della stella Michelin, l’Alto Adige sorprende per qualità e bellezza.

 

Dormire nei masi

 

(descrizione)

 

Il trend della montagna altoatesina poi è alloggiare nei masi. Quelli del noto marchio Gallo Rosso garantiscono tranquillità e qualità ad ogni altitutine e vacanze ideali per la famiglia.

I masi sorgono, generalmente, in punti di tranquillità e di quiete: vasti campi destinati allo sfalcio o al pascolo, in prossimità di un torrente o al limitare dei boschi di larice, la materia prima che dà vita a queste caratteristiche case di legno dai tetti a scandole.

Ma che cos'è un maso esattamente? In passato i masi erano le abitazioni tipiche dei contadini di montagna, caratterizzate da un capiente fienile, una stalla per il ricovero degli animali e una cucina per la preparazione dei cibi e la produzione del formaggio. Ora, molti di loro si sono aperti all’ospitalità con la formula dell’agriturismo, per far avvicinare le persone allo stile di vita autentico dei contadini sudtirolesi. E far sperimentare al turista in vacanza emozioni autentiche, a contatto con la natura e l’attività agro-zootecnica.