/media/post/7ghzgal/3677-acquario-genova-enatrata-622x413.jpg

Acquario di Genova.

Immergersi nei fondali di tutti i mari del mondo...

L’Acquario di Genova è un posto dove il mare ti entra nell’anima. E non se ne va più via. E’ un posto dove ti innamori di tutti i mari del mondo. Dove gli oceani e i suoi abitanti ti sembrano così necessari alla vita che ne esci con la sensazione – precisa – che tutta quella meraviglia va assolutamente preservata.

Meglio ancora se all’Acquario di Genova ci portate dei bambini. Fareste loro un regalo di quelli che lasciano le scintille negli occhi. Insomma, l’Acquario di Genova è piccolo paradiso blu.

 

Acquario di Genova. Cosa vedere all’interno dell’Acquario

All’interno dell’Acquario di Genova ci sono diversi “mondi”. Eccoli:

Mari freddi – Acquario di Genova

I mari freddi sono quelli che bagnano il continente antartico. Un continente che si estende su una superficie pari a 50 volte quella dell’Italia. Gli animali che popolano il continente antartico vivono in prossimità del mare, essendo questo l’unico “posto” da cui riescono a trarre nutrimento. Come i pinguini e le foche. Inoltre, le acque marine antartiche non sono certo disabitate, nonostante le temperature basse. Vi si trovano – per esempio - balene, orche, capodogli. Andate all’Acquario di Genova per scoprire la vita dei mari freddi…

Mari tropicali – Acquario di Genova

Primi abitanti dei mari tropicali sono stati i coralli, degli organismi coloniali che creano le bellissime barriere coralline. All’interno dell’Acquario di Genova c’è un’area dedicata interamente ai coralli (ed è tutto un “fiorire” nel mare!). La presenza dei coralli fa sì che si creino delle condizioni di vita singolari nei mari tropicali. E ha permesso che i pesci che popolano questi mari sviluppassero forme e colori assai curiosi… guardateli nell’Acquario di Genova…

Mar Mediterraneo – Acquario di Genova

E’ il nostro mare. Il mare che circonda quasi per intero l’Italia. E’ il mare che ha segnato la storia e la cultura della nostra Penisola. All’Acquario di Genova non poteva quindi mancare una sezione dedicata al Mar Mediterraneo. Un mare ricco di ambienti diversi e quindi di un immenso patrimonio di biodiversità. Quali incontri potreste fare nelle vasche dell’Acquario di Genova dedicate al Mar Mediterraneo? Per esempio il cavalluccio marino, lo squalo grigio, i delfini, o le bellissime stelle marine!

 

Le altre aree dell'Acquario di Genova

Acque salmastre – Acquario di Genova

Caratteristica delle acque salmastre sono le mangrovie, alberi che possono raggiungere anche i 25 meri di altezza e che crescono nei terreni fangosi. In realtà quelle che escono dall’acqua sono le radici, anzi dei prolungamenti verticali delle radici. Che poi creano grovigli molto fitti e molto “avventurosi”. Tra gli ospiti dell’Acquario di Genova – nelle vasche delle acque salmastre – ci sono il pesce arciere (del colore dell’argento con cinque grandi macchie scure); il lamantino (un mammifero marino che vive, per esempi, a Rhode Island – a nord di New York); o il pesce quattrocchi che vive nelle acque salmastre del Sud America.

 

(descrizione)

 

Acque dolci tropicali – Acquario di Genova

Il caimano nano di Cuvier è forse uno degli abitanti più belli dell’Acquario di Genova. Lo trovate proprio nell’area dedicata alle acque dolci tropicali, dove le temperature elevate e le abbondanti precipitazioni creano un habitat perfetto per animali come il caimano, appunto, o il piranha rosso (che vive nel Rio delle Amazzoni)… mi raccomando, attenzione… perché il piranha rosso è dotato di un sistema uditivo molto complesso che gli permette di avvertire la presenza di prede anche nelle acque stagnanti e torbide…

Foreste tropicali – Acquario di Genova

Una curiosità: più della metà delle specie animali e vegetali presenti sulla Terra vive nelle foreste tropicali. E tra queste specie anche l’iguana dai tubercoli – o iguana verde: una degli inquilini dell’Acquario di Genova. Abilissima nuotatrice e grande mangiatrice di frutta e verdura. Le foreste tropicali sono un patrimonio a rischio grazie alla deforestazione. Ma si tratta di ambienti così preziosi per la natura… come insegna la visita all’Acquario di Genova.