/media/post/qtzebbz/venezia_tappe_da_non_perdere.jpg

A Venezia 10 tappe da non perdere

Una meraviglia, un miracolo sull’acqua, un museo all’aria aperta

Venezia è tutto ciò e altro ancora. Per questo è necessario vederla in tutti i suoi molteplici aspetti e punti di interesse, a cominciare dall’acqua. E anche se la conoscete già, la magia dei must assoluti di questa città vi conquisterà ancora una volta. 

 

1) Tour in vaporetto sul Canal grande 

Per ammirare la lunga sequenza dei palazzi che si affacciano sul Canal Grande le Linee 1 e 2 vanno dalla stazione ferroviaria Santa Lucia fino a Piazza San Marco. Assicuratevi i posti di testa per vedere al meglio. 

 

2) Tour in motoscafo


Il modo più bello ed esclusivo per godere la pittoresca vista di piccoli ponti e scorci inediti. E cogliere l’atmosfera magica che circonda ogni singolo palazzo o monumento. Tel. 041 5222303, www.motosca venezia.it 

 

3) Ponte di Rialto


 

(descrizione)

 

Si può raggiungere a piedi o in vaporetto. Dalla stazione si cammina lungo Lista di Spagna e poi su Strada Nuova fiino al Campo Santi Apostoli. Da qui in 5 minuti si giunge a Rialto, e vicino a Ca’ d’Oro, in Campo Santa Sofia, c’è il traghetto delle gondole e con 50 centesimi si è dall’altra parte. 

 

4) Piazza San Marco 

 

(descrizione)

 

È il salotto di Venezia, l’unica a chiamarsi piazza. Un trapezio articolato e arioso con porticati da ambo i lati, caffè storici e orchestrine all’aperto. Culmina con la facciata in mosaico e le linee orientali delle cupole di San Marco

 

5) Salita al campanile di San Marco 

È l’osservatorio privilegiato per godere il panorama completo dell’intera città di Venezia dall’alto. Si acquista il biglietto, per l’ascensore (8 euro) si fa un po’ di la ma ne vale la pena. Per una vista che toglie il fiato. 

 

6) Ponte dei Sospiri 

 

(descrizione)

 

Fresco di un restauro durato tre anni, è fra i monumenti più noti della città. In candida pietra d’Istria, era il ponte che collegava le sale dei tribunali nel Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove

 

7) Gallerie dell’accademia 

Merita una visita perchè è il percorso visivo che narra lo svolgimento della pittura veneta dal XIV al XVIII secolo, con capolavori dei più famosi maestri: Bellini, Giorgione, Carpaccio, Tiziano, Tintoretto, Veronese e Tiepolo

 

8) Scuola grande di San Rocco 

Una delle meraviglie di Venezia da visitare insieme alla chiesa di San Rocco, all’esterno della Scuola. Gli ambienti sono interamente decorati da Tintoretto.

 

9) Aperitivo Bellini all’Harry’s Bar 

Nello storico locale dichiarato patrimonio nazionale dal Ministero dei Beni Culturali, non si può rinunciare a bere il long drink creato in occasione della mostra dedicata a Giovanni Bellini nel 1948, su ricetta originale di Arrigo Cipriani

 

10) Visita al ghetto


A Cannaregio è d’obbligo una visita al Ghetto veneziano, diviso in tre settori contigui: Novo, Vecchio e Novissimo e considerato uno dei più integri rimasti. È una piccola “insula” collegata da due soli ponti e caratteristiche sono le sue case-torri. 

 

Informazioni e consigli:

-Volete proprio fare il tradizionale giro in gondola? Sappiate che le tariffe comunali sono: 40 minuti per 6 persone con itinerario personalizzato a 80 euro; di notte 100. Chi vi chiede di più o vi canta “O sole mio” è da evitare. 


-Per un bel reportage fotografico sul Canal Grande, il giro in vaporetto fatelo nel tardo pomeriggio, quando non c’è calca. Con la luce morbida le immagini verranno benissimo. 


-Quando siete in Piazza San Marco dirigetevi verso il lussuoso Danieli, spingete la bussola ed entrate: la hall, bellissima, è visitabile.