/media/post/qez9479/10_tesori_archeologici_della_sicilia.jpg

10 tesori archeologici della Sicilia

L’archeologia figura fra i motivi principali per cui si decide di visitare la Sicilia

Nell’isola si trovano importanti vestigia della Magna Grecia così come dell’Antica Roma, e non mancano i siti preistorici. D’altra parte, tutte le principali civiltà mediterranee sono approdate in Sicilia, fin dalla notte dei tempi. 

 

1) Segesta, Trapani 

Con il suo tempio dorico, praticamente intatto, e il bel teatro affacciato sulla vallata alle spalle del Golfo di Castellammare, questa è una delle aree archeologiche siciliane più suggestive. 

 

2) Tindari, Messina 

In bellissima posizione su un promontorio a picco sul mare, era una delle più belle città siciliane. Fu fondata nel IV secolo a. C. Poco lontano, il venerato santuario della Madonna nera. Spettacolare il panorama. 

 

3) Selinunte, Trapani

Il più vasto bacino archeologico del Mediterraneo raccoglie i resti di una delle città più floride e ambiziose della Magna Grecia, fondata nel VII sec. a. C. Notevoli i templi dell’Acropoli e quelli sulla collina orientale. 

 

4) Neapolis, Siracusa 

Zona archeologica che conserva la memoria greca e romana di Siracusa. Da vedere: l’Ara di Ierone, le Latomie (cave di pietra), l’anfiteatro romano e il fantastico teatro greco del V sec. a.C., uno dei più grandi al mondo. 

 

5) Valle dei Templi, Agrigento 

L’infilata di templi sulla collinetta al centro della valle è uno degli spettacoli più belli che sia dato di vedere in Sicilia. Notevoli anche il giardino della Kolymbetra, i templi di Giove e dei Dioscuri e il museo archeologico

 

6) Villa del Casale, Piazza armerina (En) 

I mosaici pavimentali di questa villa imperiale romana sono fra i più belli e preziosi al mondo. Dopo i lavori di restauro ultimati a maggio 2012, il monumento si offre al pubblico in tutto il suo splendore e con un percorso di visita ammodernato. 

 

7) Teatro greco, Siracusa 

È una delle più importanti testimonianze di architettura teatrale antica nel mondo intero e per secoli è stato il cuore pulsante della città di Siracusa. La sua struttura, un tempo molto più complessa, manca di parti: i blocchi di pietra, ad esempio, furono asportati per essere utilizzati nella costruzione delle mura di Ortigia

 

8) Cava d’ispica, Ragusa 

Un’autentica città scavata nella roccia: ecco cos’era questo luogo, abitato dalla Preistoria fino al Medioevo. Fra grotte, cunicoli e scalette vivevano migliaia di persone. Notevoli la chiesa bizantina di S. Pancrati e il Parco Forza

 

9) Pantalica, Siracusa

La necropoli dei Siculi - preistorici abitanti della Sicilia - conta la bellezza di 5000 tombe scavate nella parete rocciosa. Una visita da non perdere per un tuffo nella storia più remota dell’isola e in uno dei paesaggi più pittoreschi del sud est. 

 

10) Morgantina, Enna

Insediamento antichissimo, divenne centro commerciale importante sulla via di collegamento nord-sud attraverso la Sicilia. Quest’area archeologica ha un fascino tutto suo. Notevole il teatro. 

 

Informazioni e consigli:

- Sul sito www.regione.sicilia.it/bbccaa si trovano le informazioni necessarie per le visite a tutti i siti elencati. 


- La Sicilia è una delle regioni italiane più ricche di siti inseriti nell’elenco Unesco dei Beni dell’Umanità. 


- Molti dei reperti dell’antica Siracusa si trovano sull’isola di Ortigia. In alcuni casi, le costruzioni moderne vi si sono sovrapposte. Così sotto al municipio si trovano le fondazioni di un tempio ionico.