/media/post/gq9p3ur/10_opere_da_non_perdere_a_praga_prev.jpg

10 attrazioni da non perdere a Praga

Perla dell’Europa, Praga è anche una delle città più affascinanti e romantiche al mondo

Principale centro politico, commerciale e culturale della Repubblica Ceca, è un “libro aperto” di nostalgia e di vita, di musica e di architetture d’epoca. E vanta un centro storico, che dal 1992 è parte del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. 

 

1) Castello di Praga 

Pražský Hrad – vera e propria città nella città che comprende il Palazzo Reale, la Basilica e il Convento di San Giorgio, la Torre delle Polveri, il Vicolo d’Oro e la Galleria del Castello – è il monumento simbolo della capitale. La prima pietra fu posta nell’880, oggi occupa un’area di 45 ettari. Pražský Hrad, Hradčany, Praga 1, www.hrad.cz 

 

2) Palazzo Reale


Costruito nella terza corte del Castello di Praga, ospita la Sala Vladislao, la più grande sala civica dell’Europa centrale, opera dell’architetto Benedikt Rejt, che la realizzò tra il 1493 il 1502. Nella contigua Cancelleria boema, il 23 maggio del 1618, si consumò l’episodio della “defenestrazione di Praga”, l’atto di ribellione contro il governo asburgico che segnò l’inizio della Guerra dei Trent’anni. Pražský Hrad, Hradčany, Praga 1

 

3) Ponte Carlo

Karlův Most è il più celebre (la sua costruzione fu cominciata nel 1357 da Carlo IV) dei ponti che attraversano la Moldava collegando Staré Město, la Città Vecchia, a Malá Strana. È lungo 515 metri e largo 10. Praga 1. 

 

4) Piazza della Città Vecchia 

Staroměstské náměstí è tra gli spazi urbani più suggestivi d’Europa. Piazza chiusa da palazzi gotici e barocchi, vi si affaccia il Municipio, con la torre che conserva l’Orologio Astronomico del 1410. Staroměstské náměstí, Staré Město, Praga 1. 

 

5) Camera del Tesoro Reale 

Parte del Castello di Praga, vi si accede dalla Cappella di San Venceslao. Vi sono custoditi i gioielli della corona boema, oltre a opere di oreficeria del ’300 e del ’400. Pražský Hrad, Hradčany, Praga 1, www.hrad.cz 

 

6) Ghetto


Josefov è il quartiere ebraico della città di Praga, una fitta trama urbana brulicante di attività commerciali, sinagoghe e caseggiati sovraffollati. Riunisce il Cimitero, il Museo dei Bambini di Terezín e la Sinagoga Vecchia- Nuova (Staronová Synagoga). Staré Město. Praga 1. 

7) Sala Smetana


È la più grande sala da concerti di Praga. Si trova all’interno della Casa Municipale di Praga (1912), protetta da un’immensa cupola di vetro. Imperdibile un concerto qui. Náměstí Republiky 5, Staré Město, Praga 1, www. obecnidum.cz 

8) Sinagoga Spagnola 

Progettata da Ignác Ullmann e Josef Niklas, venne realizzata in stile moresco tra il 1867 e il 1868. Fregiata da ricche vetrate colorate, vanta super ci ricoperte da decorazioni ispirate all’architettura islamica. Vězeňská 1, Staré Město, tel. +42 2 24819464, Praga 1, www.jewishmuseum.cz (2-G2) 

9) Piazza Venceslao


È nata nel 1348, in occasione della fondazione della Città Nuova (Nové Město) da parte di Carlo IV. Lunga 750 metri, larga 63 nella parte superiore e 48 in quella inferiore, in origine si chiamava Mercato dei Cavalli. Václavské náměstí, Nové Město. Praga 1. 

10) Collina Petřín


Situata sulla sponda sinistra della Moldava, è una delle aree verdi più vaste di Praga, da dove si gode di una vista impareggiabile della città. Vi si può salire fino in cima a piedi o con la funicolare. Da non perdere anche il Labirinto degli Specchi. Malá Strana, Hradčany. Praga 1. 

Informazioni e consigli:

- Per avere maggiori informazioni, consultate il sito ufficiale della città (www. praguewelcome.cz/it) o quello dell’Ente Nazionale Ceco per il Turismo. 


- La Torre delle Polveri (parte del Castello di Praga) in origine era un deposito di polvere da sparo. Ha un diametro di 20 metri. Dal 1982 ospita una mostra permanente dedicata all’epoca di Rodolfo II, quando la torre ospitava le botteghe degli alchimisti del re, che nei loro laboratori preparavano pozioni in macchinosi alambicchi. www.hrad.cz 


- Torre Dalibor: anch’essa parte del Castello, prende il nome dal suo primo prigioniero, il giovane cavaliere Dalibor da Kozojedy (condannato a morte per aver dato asilo a dei fuorilegge). www.hrad.cz