Comprare casa a Parigi. Una finestra (costosa) sulla Ville Lumiere
Vivere a Londra. Quanto costa trasferirsi all’ombra della Regina
Quanto costa vivere a New York? Bere un caffè, prendere la metro...

Vi siete mai chiesti quanto costi vivere a New York? Trovare un lavoro nella Grande Mela non è certo la cosa più facile del mondo. Eppure non è nemmeno una cosa impossibile. Ma prima di tutto è forse necessario capire i prezzi dei beni e dei servizi.

Tanto per cominciare proviamo a capire quanto si spende vivendo a New York.

Vivere a New York: quanto costa?

Ecco una “lista della spesa” per capire più o meno quanto costa vivere a New York (i dati - relativi all'autunno 2013 -  sono tratti dal sito: www.eardex.com ). Sperando che vi possa essere d’aiuto per i vostri viaggi a New York (o per chi voglia invece trasferirsi in città).

Comprare la classica Coca Cola a New York (Coke qui negli States) costa 0,95 euro

Sorseggiare un boccale di birra in media costa 5,31 euro

Ordinare un Big Mac vi farà tirare fuori dalle tasche 3,10 euro

Affittare un’automobile per una settimana a New York peserà sul vostro bilancio per 223,82 euro

Una camera d’albergo nella città di New York in media costa 97,88

Un pacchetto di sigarette (una delle marche più famose) a New York lo potete pagare ben 8,55 euro

Prendere un caffè (ammesso che vi piaccia il caffè americano, di solito lungo e nero) significa sborsare 2,28 euro

Comprare un litro d’acqua in un supermercato di New York costa 1,50 euro

Acquistare un pacco di pasta al supermercato costa 1,50 euro

Il biglietto per il cinema (di sera e nel week end): 9,48 euro

L’abbonamento mensile per i trasporti pubblici di New York costa 82,70 euro

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Come trasferirsi a...

Gabriele Bulichelli racconta la storia di un ragazzo italiano emigrato a New York per fare l’artista. E c’è riuscito. Con dei bellissimi disegni sui muri della Grande Mela. Il suo è diventato un mestiere Girando per le strade di New York, magari nei quartieri più trendy di Brooklyn o Williamsburg incontro grandi muri con bellissimi murales e mi faccio un sacco di domande: come avranno fatto? In quanti? Chi sarà l'autore? Quanto costano? Il tempo di scattare una foto e me ne vado. Se provate a chiedere in giro riuscirete facilmente a incontrare uno dei protagonisti. E così ho fatto. È più facile del previsto. E vien fuori una storia. Passeggiando per Williamsburg vedo un nuovissimo cinema con un immenso e bellissimo murales. Chiedo informazioni ai negozianti lì vicino e tutti con grande entusiasmo mi danno spiegazioni dettagliate. Mi raccontano che quando l’artista lavorava al murales l’intera strada si era fermata, come fosse una festa. Musica, cibo e un pallone che rotola sull’asfalto. C’è qualcosa che mi ricorda l’Italia. In pochi minuti riesco ad avare nome e numero di telefono del tizio che disegnava murales. Così sono andato a trovarlo. Federico Massa (www.ienacruz.com) è milanese, giovane e audace. Ha un sogno. Il suo sogno è l’arte che ha tra le mani. Ma per realizzare questo sogno se n’è dovuto fuggire via dall’Italia. Mi ha ospitato nel suo loft, dove non poteva che vivere uno del suo mondo, con amici italiani tutti legati al “giro” delle arti, dove trascorre i suoi momenti di relax e d'ispirazione. Sì un po' di confusione ma quella giusta, che rende il tutto originale, con una grande energia e voglia di spaccare il mondo. Davanti ad un caffè uscito da una vecchia moca Federico Massa, mi racconta la sua storia. È qui per realizzare quei sogni che fin da bambino ha cercato di far volare. Ma non ci riusciva. In Italia problemi, burocrazia e sempre mille rischi ai limiti della legge. Lavorava di notte: preparava i murales a casa su dei grandi fogli, poi li rimontava fuori come fossero festoni pubblicitari. L’opera d’arte perdeva così il suo valore. E Federico Massa rischiava di finire intrappolato in qualche divieto di legge. Quindi ha detto basta ed è salito su un aereo per New York. Biglietto di sola andata. È qui a New York che il ragazzo dei murales corona il suo sogno. Cerca muri. Chiede al proprietario se può usare quel muro come tela e crea. A volte trova addirittura partner e sponsor che gli pagano il materiale e le strutture per lavorare in sicurezza. Quello che in Italia era al limite della legge, a New York è diventato un lavoro di riqualificazione urbana: spesso si tratta di spazi brutti e in disuso che riprendono vita grazie al suo tocco. Il sito di Federico Massa (con le sue opere) Ps: a voi stabilire se questa storia sarebbe stata possibile in Italia di Gabriele Bulichelli Gabriele Bulichelli (www.polibulistudio.it) è un architetto e designer italiano che si divide tra la Toscana (dove ristruttura vecchi casali e progetta cantine e wine bar) e  New York City Lo Speciale di Marcopolo: Mollo tutto e vado a vivere all'estero
CONDIVIDI

Come trasferirsi a...

Ville splendide incastonate nelle scogliere a strapiombo sul mare. Spiagge dorate. Hotel lussuosi frequentati dall’alta borghesia europea. Una casa in Costa Azzurra è soprattutto uno status symbol I panorami della Costa Azzurra scorrono sotto la vertiginosa strada a serpentina, resa famosa da favole e avventure cinematografiche. Questi panorami sono stati in passato anche scenari di accadimenti vissuti da aristocratici, capitani d’industria e alta borghesia europea. Oggi, i vip che vi brulicano sono più dediti all’understatement, ma la Costa Azzurra incanta ancora con i suoi paesaggi, hotel lussuosi, casinò, locali trendy e negozi sfarzosi lungo le promenades delle cittadine affacciate sul Grand Bleu. Il fascino aristocratico della Costa Azzurra La Costa Azzurra sono i centotrenta chilometri, tra Mentone e Saint-Tropez, con spiagge dorate e borghi medievali sulle Alpi Marittime, scogliere a strapiombo, romantici golfi e porti turistici pieni di yacht. Vita vera, ma sempre sospesa nel sogno. In Costa Azzurra è così dalla fine del 1700, quando l’aristocrazia inglese la scelse per villeggiature esclusive, costruendo splendide ville: rifugi di privacy e relax, divenuti status symbol soprattutto dal secolo successivo, in particolare nella Belle Époque. Un fascino mai scalfito, visto che oggi le maison di questo litorale mantengono lo scettro di abitazioni più belle di Francia. Comprare casa in Costa Azzurra Molte di queste abitazioni sono in vendita a prezzi stellari. Il mercato del mattone in Costa Azzurra non è però solo appannaggio dei ricchi, categoria che oltre ai tradizionali clienti francesi, americani, belgi, svizzeri e scandinavi, include sempre più russi e la classe medio-alta di Ucraina, Repubblica Ceca, Polonia, Bulgaria e Romania. “Ormai i clienti dell’est Europa muovono il 40% della domanda di seconde case lungo il segmento costiero tra Nizza e Cannes”, spiega Jörg Buchen, direttore dell’agenzia Engel & Völkers nella città del Festival del Cinema. Risalta invece - in Costa Azzurra -  la “ritirata” di acquirenti italiani, a causa dei recenti inasprimenti della pressione fiscale sulle proprietà immobiliari estere. “Fino a 10 anni fa, gli italiani a caccia di seconde case erano tra i più assidui, ma dall’anno scorso hanno cominciato a vendere le proprietà”. Il mercato immobiliare della Costa Azzurra Quello della Costa Azzurra è un mercato a due binari. Da una parte le ville di gran lusso, dall’altra la vasta e abbordabile offerta che comprende sia soluzioni indipendenti (ville contemporanee di medie dimensioni e case coloniche tipicamente provenzali), sia appartamenti in condomini delle aree urbane. “Anche se la pressione fiscale da parte del governo francese sugli immobili, di detentori locali e stranieri, ha destato preoccupazioni, la domanda di seconde case rimane forte”, spiega Emilie Vaud, immobiliarista in forza al gruppo Sotheby’s Realty. “Tant’è che nel comparto delle ville prestigiose continuiamo a registrare rincari, anche per via dell’offerta più bassa”. Nel segmento medio, invece, l’offerta è molto più ampia e variegata in quanto si continua a costruire. Di conseguenza, nel ventaglio dei prezzi può davvero celarsi il buon affare. “Il settore residenziale (degli appartamenti) presenta prezzi inferiori anche del 20-25% rispetto a quelli nelle più blasonate costiere italiane, dove invece non si costruisce da molto tempo”, dice Sergio Candeloro, titolare della Mediem, network immobiliare milanese con due agenzie a Sanremo. A Nizza e Cannes, le quotazioni per appartamenti di media metratura (60-70 mq) e di buona finitura che non necessitano di ristrutturazioni, viaggiano su livelli minimi di 250-300 mila euro. Località più cara rimane Saint-Tropez: “Il biglietto d’ingresso di una villa è compreso tra 3 e 4 milioni di euro” –, illustra Christian Lardat, responsabile del gruppo Tardieu. Comprare casa in Provenza Differente invece il mercato della Provenza. A prediligerlo sono soprattutto i nordeuropei, appassionati di case in tranquilli contesti di valore naturalistico. Anche qui però l’offerta e i prezzi sono molto diversi. I rustici di stile provenzale presentano in genere quotazioni più basse, anche del 40% rispetto alle ville della costa. Ma se si tratta di tenute prestigiose, magari posizionate accanto a campi da golf, i valori tornano simili a quelli delle ville a poca distanza dal mare.
CONDIVIDI

Regno Unito

Trasferirsi definitivamente a Londra acquistando una casa? L’investimento è sicuro. La qualità della vita anche. Ecco le zone consigliate Comprare casa (e quindi perché no, trasferirsi) a Londra è ancora un investimento sicuro, perché il mercato è trasparente e liquido su vendite e affitti: gli immobili  a Londra rimangono un’interessante alternativa per proteggersi dal rischio inflazione dell’Euro, garantiscono ritorni interessanti (3-5%), e risultano migliori rispetto a molti strumenti finanziari, in questi tempi di tassi di rendimento depressi. Si aggiunge poi la rivalutazione del capitale investito: i prezzi al centro di Londra sono saliti in media dal 6 al 13% negli ultimi 12 mesi. Le cifre sono alte, dalle 9.000 alle 20.000 sterline al mq, in base al quartiere. (Più in generale ecco quanto costa vivere a Londra) Trasferirsi a Londra: in quali zone? Le zone più famose di Londra (dove trasferirsi e comprare casa) si confermano Kensington, Notting Hill, South Kensington, Knightsbridge e Chelsea, dove vivono i professionisti internazionali e i giovani dell’aristocrazia e della famiglia reale: sono centrali, ben collegate e ottime per shopping e vita notturna. Le zone più costose di Londra restano Mayfair, St. James, Belgravia, Islington e St. John’s Wood, centrali e residenziali, preferite dalle famiglie con figli e dove avrete come vicini principi arabi, oligarchi russi e celebrities. Le zone “up-and-coming” sono Fulham, Shepherd Bush, Parsons Green, Marylebone e Bermondsey: quartieri divertenti, giovani e con prezzi più accessibili. Perfetti per i ragazzi che si vogliono trasferire a Londra. Continua a leggere: Consigli pratici (e legali) per comprare casa a Londra
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv