alice lifestyle leonardo marcopolo

Non si dice mai di no ad un viaggio nella Lapponia svedese. Avventurarsi nel cuore di paesaggi incontaminati, immergersi nella natura artica, viaggiare su slitte trainate da cani e navi rompighiaccio. Viaggi del genere si fanno solo qui, nella Lapponia svedese dove l’anima ritrova se stessa in un luogo senza confini.

foto lapponia

Un viaggio nella Lapponia svedese significa anche essere pronti ad affrontare temperature rigide e a lasciare a casa, per qualche giorno, una serie di comfort a cui siamo abituati. Abitudini che si dimenticano non appena entriamo in contatto con panorami mozzafiato e un senso di libertà da capogiro.

Viaggio nella Lapponia svedese: Skelleftea

foto lapponia

Dichiarato Patrimonio dell’Umanità, i 30 gradi sottozero non fanno paura a chi ama svegliarsi al mattino e ammirare la grande natura artica. Siamo andati alla scoperta di  Skelleftea, nella regione di Vasterbotten, una cittadina squadrata, abitata da settantamila abitanti, cresciuta molto nell’Ottocento quando chi qui chiedeva un piatto di carne d’alce era spesso un cercatore d’oro.

Viaggio nella Lapponia svedese: Bonnstan

foto bonnstan

Da visitare il villaggio-chiesa di Bonnstan: 116 casette di legno tirate su nel Cinquecento con l’obiettivo di far riposare quei pellegrini che, dopo un lungo viaggio, si preparavano alla messa domenicale. Nulla di strano da queste parti, se non fosse che di villaggi-chiesa nella Svezia settentrionale una volta ce n’erano una settantina, oggi se ne contano sedici e Bonnstan è l’unico rimasto intatto. Non è un museo a cielo aperto, le case oggi appartengono a privati che accettano l’isolamento elettrico in cambio di assoluto relax.

Viaggio nella Lapponia svedese: Svansele Wilderness Center

foto lapponia svedese

Lo Svansele Wilderness Center è una  baita-museo che da alcuni anni fa da campo base per mini safari in motoslitte. Una volta lì, c’è la possibilità di abbandonare macchina e stress per dirigersi verso laghi ghiacciati e incantate foreste di betulle frequentate da placide renne e sfuggevoli alci. Ad aspettarvi, nel cuore della foresta lappone c’è quiete e silenzio, un silenzio che assoggetta anima e corpo. “Qui la quiete sprigiona energia” a sussurrarlo è una guida Sami, la popolazione che abita da secoli questi infiniti territori fieri di un’identità vestita di storia, cultura e modi di vita al passo con i tempi.

Viaggio nella Lapponia svedese: il lago ghiacciato

foto Lake Hornavan

La strada che unisce Arvidsjaur alla cittadina di Arjeplog è il lungo rettilineo della S95. L’antica “rotta dell’argento” si percorre con accanto un fiume, proprio come gli avventurieri del Grande Nord che nei primi dell’Ottocento l’attraversavano con slitte cariche di argento trainate da renne. Oggi, i turisti la percorrono per dirigersi al lago gelato di Hornavan, uno specchio d’acqua immenso, celebre non tanto per essere il più profondo della Svezia (226 mt.) quanto per trasformarsi in inverno in uno dei più ambiti circuiti automobilistici d’Europa per test drive di case come Ferrari, Audi e Mercedes.