Vaporetto a Venezia – Linee
Venezia – Guida
Via dell'amore - Cinque Terre

La Via dell'amore è un percorso suggestivo nelle Cinque Terre. Un sentiero di poco più di un chilometro che da Riomaggiore porta a Manarola.

La Via dell'amore fa parte del Sentiero Azzurro, uno dei più conosciuti sentieri di trekking nelle Cinque Terre, che unisce Riomaggiore a Monterosso.

La prima parte del Sentiero Azzurro è denominato la Via dell'amore: scavata nella roccia tra il 1926 e il 1928 per collegare i due comuni, questo sentiero affascinante si snoda sul fianco di roccia a picco sula mare che divide Riomaggiore con Manarola.

La vista sul mare della Liguria apre il cuore degli innamorati, e anche la loro creatività. Lungo la roccia infatti ci sono moltissime scritte, disegni, cuoricini e giuramenti di amore eterno.

Informazioni: per chi vuole percorrere la Via dell'amore, consigliamo di arrivare in treno nelle Cinque Terre. Il percorso inizia e finisce lungo le stazioni ferroviarie di Riomaggiore a Monterosso

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Nord

Piazza San Marco è la sola piazza di Venezia. Anzi per essere esatti: Piazza San Marco è la sola piazza di Venezia almeno nel nome. Perché tutte le altre “piazze” della città non hanno diritto a chiamarsi “piazza”, ma si chiamano "campo" Da qualsiasi punto di vista si guardi Piazza San Marco, questa piazza è uno spazio architettonico straordinario. Non c’è nulla, in quei 170 metri di perimetro, che sia fuori luogo, che sia un errore, che sia una stonatura. Piazza San Marco è anche una delle piazze più belle d'Italia. Piazza San Marco, Venezia: la storia Questa la storia di Piazza San Marco. Nell’828 a Venezia arrivò il corpo di San Marco: fu allora che iniziò la costruzione della Basilica che ne porta il nome. Edificio che nel corso del tempo fu più volte ricostruito. I cavalli posti a coronamento della Basilica arrivarono invece dopo la conquista di Costantinopoli, con la Quarta Crociata: nel 1204. Secoli di rifacimenti, lavori, demolizioni non hanno comunque intaccato il fascino di questa piazza, che invece è andato sempre più aumentando. Piazza San Marco è sempre stata il cuore della città, basti pensare che il Palazzo Ducale era sede del governo e delle supreme magistrature della Repubblica. Nel cortile del Palazzo si tenevano addirittura cacce a i tori. Piazza San Marco: i caffè I caffè, legati indissolubilmente all’immagine di piazza San Marco, fecero la loro prima comparsa nel Settecento. Assieme al Carnevale, ma questa è un’altra storia. Hotel – Piazza San Marco, Venezia Per prenotare un hotel vicino Piazza San Marco cercate tra le offerte di Marcopolo. Meteo Venezia Per consultare il meteo di Venezia cliccate qui Cosa vedere nei dintorni di Piazza San Marco Venezia: 10 luoghi da visitare Venezia - guida Venezia e il cinema Venezia in gondola  
CONDIVIDI

Nord

La Mole Antonelliana nasce come sinagoga. Era la seconda metà dell’Ottocento quando la comunità ebraica di Torino decise di finanziare la costruzione della Mole. Ma la storia di questo edificio subì un destino beffardo La Mole Antonelliana è una strana costruzione. È uno degli edifici in muratura più alti d’Europa. Strano edificio, non c’è dubbio, costruito a partire dal 1863. In origine la Mole Antonelliana doveva essere la sinagoga della città di Torino. La regale, elegante – e anche un po’ snob -  Torino. Ecco la storia della Mole Antonelliana. Mole Antonelliana di Torino: la nascita come sinagoga Nel 1862 la comunità ebraica aveva comprato il terreno e aveva affidato il progetto della sinagoga (diventata poi la Mole Antonelliana) ad Alessandro Antonelli. Un architetto novarese. Il quale dapprima aveva disegnato una costruzione a cupola alta 47 metri. Poi ci ripensò. E aumentò i metri, arrivando fino a 113. Nel 1869, a lavori già iniziati, la comunità ebraica decise di bloccare il finanziamento della Mole Antonelliana. Le modifiche volute dall’Antonelli erano troppe. E il progetto passò quindi sotto la tutela e i finanziamenti del comune di Torino. Mentre i metri della Mole aumentavano. Mole Antonelliana: la storia dell’angelo d’oro (scomparso). E la sua altezza Il percorso acrobatico della guglia della Mole Antonelliana, la sua sfida al cielo, si arrestò a quota 167. Era il 1889. Ma la storia della Mole non finisce qui. Dieci anni più tardi, sulla cima della Mole fu sistemato un angelo d’oro, il cui folgore alato fu inesorabilmente abbattuto da un nubifragio nel 1904. I torinesi – gente testarda – non si arresero. Al posto dell’angelo fu messa una stella. Mole Antonelliana: il (secondo) nubifragio che abbatté la stella Destino beffardo anche quello della stella della Mole Antonelliana. La quale fu spazzata via da un nubifragio che si portò via pure  43 metri di guglia. Dopodiché i soliti torinesi la ricostruirono di nuovo. E ancora oggi la Mole Antonelliana svetta tra i voli degli uccelli. Mole Antonelliana: prezzi e orari per visitarla Sede della Mole Antonelliana: Via Montebello 20 Telefono: 011 8125658 Apertura: da martedì al venerdì dalle 9 alle 20, sabato dalle 9 alle 23, domenica dalle 9 alle 8, lunedì chiuso La guida di Torino Itinerari consigliati a Torino Museo Egizio di Torino Prenota il tuo hotel a Torino: qui le offerte più vantaggiose
CONDIVIDI

Nord

Venezia è una città che è possibile "declinare" in tutte le lingue del mondo. Venice in inglese, Venecia in spagnolo... o Venesia per gli stessi veneziani... comunque sia Venezia è una delle città più conosciute e più visitate del globo. Ecco allora il nostro omaggio a Venice... Venecia... Venesia: un video per ammirare la città da una gondola... Carnevale di Venezia Il Ponte dei Sospiri Venezia e il Cinema Guida di Venezia Vedi le offerte di Marcopolo per hotel e alberghi a Venezia
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv