alice lifestyle leonardo marcopolo

Sartiglia: una parola familiare per chi vive a Oristano, soprattutto nei giorni del Carnevale. Una parola quasi sconosciuta per chi vive altrove. Eppure la parola Sartiglia conserva tanta di quella storia e di quelle tradizioni, che – da sola – disegna un mondo

Il mondo della Sartiglia è un mondo di cavalieri, di tornei equestri, di giochi a cavallo. Sarebbe riduttivo considerare la Sartiglia di Oristano puro spettacolo carnevalesco, perché essa affonda le radici nel Millecinquecento.

Sartiglia: breve storia del Carnevale di Oristano

La Sartiglia di Oristano è menzionata per la prima volta in documenti che risalgono al 1547, dove si parla di spettacoli organizzati in onore dell’imperatore Carlo V. Giochi di abilità. Spada e lancia. Cavalli lanciati alla corsa. Anelli da infilzare. Cavalieri pronti a tutti pur di strappare un applauso all’imperatore. E al pubblico. La Sartiglia è – fin dalle origini – uno spettacolo sbalorditivo.

Sartiglia, come si svolge oggi. Le fasi

Quello della Sartiglia è un evento complesso. Fatto di appuntamenti che si ripetono – si devono ripetere – uguali a se stessi anno dopo anno. Le fasi della Sartiglia di Oristano sono dunque immutabili.

Le fasi della Sartiglia. La vestizione

E’ un momento magico quello della vestizione. E’ un rito. Con tempi e gesti da rispettare. Il cavaliere deve indossare abiti antichi, con i quali parteciperà alla corsa. La cerimonia della vestizione della Sartiglia è eseguita dalle donne. Nelle loro abili mani, il cavaliere diventa “su Componidori” (il capocorsa). Come potete vedere nelle immagini suggestive del filmato qui sotto.

Le fasi della Sartiglia. La corsa alla stella

Cavalieri eleganti, cavalli imponenti. Regalità. Nobiltà. E gli antichissimi costumi della tradizione sarda. Questo è quello che fa da sfondi alla Sartiglia di Oristano. Poi c’è la sfida. La galoppata per cercare di cogliere al volo il bersaglio: la stella. Tamburini, trombettieri, applausi e urla di incitazione. La corsa alla stella è uno dei momenti più vivi della Sartiglia di Oristano.

Le fasi della Sartiglia. La corsa delle pariglie

La corsa delle pariglie è il momento più scenografico della Sartiglia di Oristano. Di cosa si tratta? Sono delle vere e proprie acrobazie effettuate dai cavalieri. Abilità e fantasia. E un pizzico di coraggio. Le evoluzioni dei cavalieri sono straordinarie. Una specie di circo d’alta classe. Nel filmato qui sotto ecco alcune pariglie spettacolari!

Le fasi della Sartiglia. La svestizione

Finita ormai la corsa su Componidori deve ritornare a essere semplice cavaliere. L’ultima fase della Sartiglia di Oristano è la fase della svestizione. Forse meno suggestiva delle altre. Ma è questo l’ultimo momento rituale della Sartiglia. Poi continueranno le feste, le trombe, i tamburi. Le congratulazioni e i saluti. Ma la Sartiglia può dirsi terminata, per quest’anno.