Autodromo di Monza 2011 – Speed Day e Circolazione Turistica
Greccio – Il presepe vivente – Video
San Gregorio Armeno - I presepi di Napoli - Video

Per tutti è "la strada dei presepi": San Gregorio Armeno a Napoli è una tappa obbligatoria per chi voglia comprare statuine artigianali d'ogni dimensione e di ogni tipo.

Qui è come se fosse Natale tutto l'anno, perché le botteghe artigiane sono sempre aperte. Ma quando si avvicina il 25 dicembre , le statuine di San Gregorio Armeno sembrano animarsi di vita propria.

Pare che i Greci per propiziarsi i favori di Demetra – dea dispensatrice di abbondanza – le facessero dono di una statuina di terracotta. Tradizione poi ripresa dai Romani per rendere omaggio alla dea Cérere. Quegli ex-voto – nati dall'argilla – erano realizzati nei vicoli di Napoli. Proprio qui, nella zona che oggi conosciamo col nome di via San Gregorio Armeno.

Le figurine pagane di ventiquattro secoli fa, erano dette "stipi votive". Da allora ad oggi, la fantasia degli artisti partenopei ogni anno si scatena nella realizzazione del "Pastore personaggio..." il pezzo nuovo con le fattezze di un personaggio famoso che nei mesi precedenti al Natale è salito alla ribalta per un motivo o per un altro.

LEGGI LO SPECIALE CHE MARCOPOLO DEDICA AL NATALE

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Gli speciali di Marcopolo

In occasione dell'8 marzo, Marcopolo rivolge un augurio speciale a tutte le donne. E, com'è nel suo stile, vi "regala" alcuni suggerimenti di viaggio. Viaggi al femminile, naturalmente... Ecco lo Speciale dedicato all'8 marzo Festa delle Donne: cosa fare e dove andare Perché l'8 marzo Storia delle donne di Casalino La storia (e la Roma) di Beatrice Cenci Le donne birmane Una donna d'eccezione: Mamma Roma E infine, per quanto riguarda il tempo che farà l'8 marzo: Meteo 8 marzo
CONDIVIDI

Gli speciali di Marcopolo

Pasqua 2014 alle porte. Cosa fare? Come organizzare le vacanze di questa Pasqua che nel 2014 cade un bel po’ in là nel tempo – ovvero a fine aprile? Pasqua 2014: le idee di Marcopolo in giro per il mondo Se in questa Pasqua 2014 volete togliervi la soddisfazione di varcare i confini e volare all’estero, allora vi proponiamo quelle destinazioni che – per un motivo o per un altro – sono alla moda in questo 2014. Pasqua 2014 in Brasile. Prima dei Mondiali Ancora pochi mesi e non si farà altro che parlare di Brasile. A giugno, infatti, in Brasile si svolgeranno i Mondiali di Calcio. Voi anticipate tutti e partite per il Brasile a Pasqua. Così quando inizierà la Coppa del Mondo potrete dire “io lì ci sono stato”. Guida del Brasile Quanto costa la vita in Brasile Il Brasile dei Mondiali Belo Horizonte, tra la natura del Brasile sud-orientale Fortaleza, spiagge e musica Pasqua 2014 in Normandia ricordando lo sbarco Nel mese di giugno 2014 ricorre l’anniversario dello Sbarco in Normandia (sono trascorsi settant’anni da quel fatidico 6 giugno 1944). Se volete trascorrere un vacanza a sfondo storico in una delle regioni più belle della Francia, allora prenotate la Normandia. La Normandia dello sbarco I luoghi del giorno più lungo La Normandia e il vicino Mont Saint Michel Pasqua 2014. Cent’anni dopo la guerra Il 2014 segna anche i cent’anni dall’inizio della Prima Guerra Mondiale. Per ricordare e commemorare un evento che è stato drammaticamente importante nella storia d’Europa, vi consigliamo un tour in alcuni dei luoghi protagonisti della Prima Guerra Mondiale (anche se l’Italia entrò in guerra nel 1915, quando – era il 23 maggio – dichiarò guerra all’Austria-Ungheria). La città da visitare in questa Pasqua 2014 al riguardo è senz’altro Sarajevo (nella Bosnia-Erzegovina) dove il 28 giugno 1924 fu assassinato l’arciduca Francesco Ferdinando (omicidio che scatenò la Prima Guerra Mondiale). Pasqua 2014. Buon compleanno Shakespeare William Shakespeare è nato 450 anni fa. E in questo 2014 naturalmente il Regno Unito ha in serbo una serie di eventi e manifestazioni per ricordare il grande drammaturgo. Volete una Pasqua 2014 assolutamente shakespeariana? Allora:  Londra: cosa vedere e cosa fare Shakespeare’s Globe: la fedele ricostruzione del teatro shakespeariano O anche una visita alla cittadina di Stratford-upon-Avon (vicino Birmingham), dove si trova la casa natale di Shakespeare. Vi affascina l’idea di viaggiare seguendo i nostri consigli? Cliccate qui per prenotare voli e hotel. Troverete le offerte più convenienti per il vostro viaggio di Pasqua 2014
CONDIVIDI

Nord

Boschi, ruscelli, borghi curatissimi e spettacolari montagne. Questo è l’Alto Adige. E questo il leitmotiv del paesaggio altoatesino: uno scenario unico al mondo che si rivela, in ciascuna Valle, con differenti appeal. E differenti “piaceri”. Tutti da godere in alta quota. I piccoli piaceri altoatesini Può essere la curiosità del campanile sommerso che spunta dal lago di Resia, in Val Venosta; o la storia – arricchita di leggende che ancora sopravvivono – delle streghe di Fiè allo Sciliar, sull’Alpe di Siusi. Può essere il piacere di scoprire la terra natale dei cavalli Haflingher ad Avelengo, o quello di degustare i vini dei canonici agostiniani all’Abbazia di Novacella, in Valle Isarco. O ancora, può essere la conoscenza del Castelletto delle Erbe, in Val Martello, dove anche Reinhold Messner produce una linea di fitocosmetici e profumi naturali che portano il suo nome. E, a proposito di Messner, in cinque località dell’Alto Adige il più grande scalatore del mondo ha istituito altrettanti musei il cui logo sono tre “emme” maiuscole che scritte di seguito – MMM – danno come risultato grafico le creste alpine. L’acronimo equivale a Messner Mountain Museum. Dalle feste folkloristiche dell’Alta Badia, ai raduni di kite surf in Val Venosta, fino al moderno winebar delle cantine Hofstatter di Termeno, passando per i migliori ristoranti che si fregiano della stella Michelin, l’Alto Adige sorprende per qualità e bellezza. Dormire nei masi Il trend della montagna altoatesina poi è alloggiare nei masi. Quelli del noto marchio Gallo Rosso garantiscono tranquillità e qualità ad ogni altitutine e vacanze ideali per la famiglia. I masi sorgono, generalmente, in punti di tranquillità e di quiete: vasti campi destinati allo sfalcio o al pascolo, in prossimità di un torrente o al limitare dei boschi di larice, la materia prima che dà vita a queste caratteristiche case di legno dai tetti a scandole. Ma che cos'è un maso esattamente? In passato i masi erano le abitazioni tipiche dei contadini di montagna, caratterizzate da un capiente fienile, una stalla per il ricovero degli animali e una cucina per la preparazione dei cibi e la produzione del formaggio. Ora, molti di loro si sono aperti all’ospitalità con la formula dell’agriturismo, per far avvicinare le persone allo stile di vita autentico dei contadini sudtirolesi. E far sperimentare al turista in vacanza emozioni autentiche, a contatto con la natura e l’attività agro-zootecnica.
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv