alice lifestyle leonardo marcopolo

Phuket non è fatta di solo mare e spiagge: una delle maggiori ragioni per visitare questa vivace località della Thailandia è senza dubbio la visita dei suoi templi e dei suoi musei.

Nell’area Nord Est della città, vicino Thanon Thalang, sorge la Vecchia Phuket, la Chinatown locale. Caratterizzata da un’architettura in stile sino-portoghese, la zona accoglie numerosi negozi, alcuni dei quali ancora hanno antiche porte di legno con incisioni d’origine cinese.

Tra Thanon Ranong e Soi Phuthon è possibile visitare l’antico tempio taoista cinese di Put Jaw, costruito oltre 200 anni fa e dedicato alla dea della pietà Kwun Im, e l’adiacente e più grande tempio di Jui Tui.

A Thanon Dibuk è possibile invece visitare Wat Mongkol Nimit, un tipico esempio di tempio in stile thailandese caratterizzato da un altissimo tetto e molti tasselli di vetro colorati.

Il Phuket Culture Museum dell’Università di Rajabhat è il museo principale che raccoglie la storia di Phuket in immagini e foto. L’ingresso al tempio è gratuito.

Tra i centri d’interesse culturale vi è anche il Phuket Cultural Center, sito nel complesso dell’Università di Rajabhat, che espone storia, arte e cultura di Phuket, dalle sue case, agli stili di vita e agli antichi utensili della città di Thalang d’uso in tempi remoti. Il centro contiene inoltre una biblioteca dov’è contenuta la storia e la cultura di Phuket. Il centro è aperto tutti i giorni dalle 8:30 alle 16:30, ad eccezione dei giorni di festa.

Altro museo d’interesse è poi il Thaihua Museum, museo interno ad un’antica scuola di lingua cinese in Krabi road in cui è possibile ottenere informazioni circa la storia degli immigrati cinesi in Phuket. L’ingresso al pubblico è di 200 Baht. Per gli studenti il prezzo è invece di 100 Baht.

Accanto al monumento alle Due Eroine in Amphoe Thalang, in omaggio a Thao Thep Kasattri (Kunying Jan) e a Thao Sri Sunthon (Mook), è possibile visitare il Thalang National Museum, che contiene una mostra permanente della vita della vecchia Phuket assieme ad antichi manufatti e resti.

Saphan Hin è la zona sita nel punto in cui Phuket Road incontra il mare e che ospita il monumento Tin Mining, costruito nel 1969 in memoria del Capitano Edward Thomas Miles. La zona ospita nel parco un centro sportivo.

Per godere di ottime vedute sulle isole e sulla zona sud di Phuket, una visita alla vetta del colle Khao Rang è sicuramente la scelta migliore da fare. La zona offre tra l’altro ristoranti con ottimi scorci sulla città e diversi spazi verdi per fare attività fisica o per rilassarsi.

Un altro affascinante punto d’osservazione è localizzato tra le spiagge di Nai Han e Kata, dal quale è possibile vedere le spiagge di Kata Noi, Kata, Karon e le isole Ko Pu.

Per gli appassionati della fauna il Phuket Zoo e la Phuket Butterfly Farm sono senza dubbio tappe obbligata.

Nella struttura della Phuket Butterfly Farm sono esposte affascinanti collezioni di farfalle, insetti tropicali e creature marine in un ambiente naturale. Il posto è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00. L’ingresso ammonta a 300 Baht per gli adulti e 150 Baht per l’ingresso ridotto.

Il Phuket Zoo ospita invece mammiferi e uccelli sia asiatici che di origine africana. Lo zoo è aperto tutti i giorni dalle 8:30 alle 18:00. Il costo d’ingresso è di 500 Baht per gli adulti e 300 Baht per i bambini.

A 3 chilometri dalla città è invece possibile gustare specialità locali osservando spettacoli tipici nella Thai Village and Orchid Farm. Dopo il pranzo consumato in una sala decorata con oltre 20.000 varietà di orchidee e alberi tropicali è generalmente possibile assistere a spettacolari show culturali come danze thailandesi o incontri di thai boxe o ancora musica classica thai e folk suonata con strumenti tradizionali. Il posto è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 21:00 e gli show si tengono ogni giorno tra le 13:00 e le 17:30. Il costo d’ingresso è di 650 Baht per gli adulti e di 330 Baht per i bambini.