alice lifestyle leonardo marcopolo

I cenote sono vere e proprie grotte sotterranee, nate per la natura carsica del territorio, che si estendono a volte per decine di chilometri nel sottosuolo (quello di Dos Ojos, il più noto della Riviera Maya, arriva a quasi 60 km). Già noti ai Maya, che utilizzavano la loro acqua per irrigare i campi e coltivare il mais, pare che i cenote avessero anche un significato sacro, accogliendo per questo giovani e donne che venivano offerti in sacrificio: oggi questi luoghi sono tra i maggiori siti d’interesse turistico del Paese, esplorati soprattutto da sub e appassionati di snorkeling. Il consiglio, soprattutto per chi non è un esperto sub, è comunque quello di affidarsi a tour operator specializzati.