Hanoi, un viaggio in Vietnam inizia da qui
La New York di Roberto Faraone Mennella
I musei di New York - Guggenheim

Il Guggenheim è uno dei musei più belli di New York. Scopriamolo insieme in questa breve guida al museo.

Tra l'89esima e la quinta strada di New York sorge il Guggenheim di Frank Lloyd Wright. Ci vollero 17 anni per costruire questo edificio. 17 anni di progettazioni difficili, combattute tra il proprietario del Solomon Guggenheim e la città. 17 anni di discussioni con i vicini e la città.
Parte del problema era il progetto dell'architetto, differente da qualsiasi altro edificio che gli sta accanto. Il Guggenheim fu l'ultima e e forse la miglior opera di Frank Lloyd Wright.

La particolarità dell'edificio sta nella sua concezione spaziale: a spirale. La galleria sale dal piano terra fino alla cima dell'edificio e i dipinti sono esposti lungo i muri della spirale e in alcune stanze che si trovano lungo il percorso. Quando si visita il museo sembra di guardare delle opere d'arte all'interno di un'opera d'arte.

Artisti presenti: molti gli artisti di rilievo che il museo espone, come Georges Braque, Paul Cézanne, Marc Chagall, Edgar Degas, Paul Gauguin, Vasily Kandinsky, Edouard Manet, Joan Mirò, Piet Mondrian, Pablo Picasso, Pierre-Auguste Renoir, Georges-Pierre Seurat, Henri de Toulouse-Lautrec, ecc.

I consigli di Marcopolo

Continua a viaggiare a New York, scopri i luoghi da visitare nella Grande Mela, i musei (Guggenheim e MoMa) e la vita notturna di New York.
Per scoprire come arrivare a New York risparmiando, ecco i voli e le compagnie aeree che dall'Italia portano negli Stati Uniti.
Una guida di New York: Greenwich Village, il quartiere più movimentato di New York.
New York: i migliori ristoranti di cucina americana

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

America

Trancoso è una delle "perle" meno conosciute del Brasile, di quelle che incarnano perfettamente l'idea di "vacanza da sogno". Una destinazione paradisiaca che Origem si impegna a promuovere con la sua offerta di ville esclusive in affitto nelle quali è possibile trascorrere un soggiorno davvero unico. Trancoso: ospitalità brasiliana in un angolo di paradiso Situata nello Stato di Bahia, Trancoso fu fondata dai primi coloni portoghesi all'inizio del 1500. Da sempre, ha mantenuto un'impronta unica con i suoi chilometri di spiagge incontaminate che si stendono tra falesie e foresta atlantica. Chi scopre Trancoso viene conquistato dalla proverbiale ospitalità dei brasiliani, dalla magia del Quadrado (la sua piazza principale), dalla caratteristica architettura delle sue case, dai ristoranti raffinati, dai caratteristici bar e dalle boutique colorate. A Trancoso, la vita scorre a un ritmo che può essere estremamente rilassato o elettrizzante a seconda della stagione.  Tutti aspetti diversi che coesistono con grande naturalezza, pur all'interno di un paese enorme e pieno di contraddizioni. Le ville Origem a Trancoso Quello di Trancoso è uno stile così unico che ci si riferisce ad esso con l'espressione Trancoso style. In linea con questo stile, Origem offre una vasta scelta di sistemazioni, ricercate in ogni dettaglio, la cui semplice funzionalità e l'eleganza dell'interior si coniugano con la natura incontaminata di Trancoso. Non le solite ville Il rispetto del Trancoso style è alla base di un'attenta selezione delle ville condotta da un team di professionisti di luxury hospitality, architetti, grandi viaggiatori e insiders, tutti profondamente legati a Trancoso  con storie differenti. Sensazioni primordiali che spezzano la frenesia metropolitana Origem e Trancoso permettono di sperimentare un vero e proprio stile di vita, fatto di riti autentici e legati alla natura e alla bellezza. Un'occasione per spezzare la frenesia della vita metropolitana con un ritorno a tempi rallentati e piacevolmente placidi. È da qui che deriva il nome Origem: un ritorno all'origine, un invito ad abbandonarsi e riconquistare quell'autenticità perduta. Una mission ben supportata dal nuovo sito lanciato da Origem: origemtrancoso.com. Gli utenti sono accolti da un piccolo minigame che contrappone lo stile di vita della città a quello rilassante di Trancoso. Un'esperienza con tante testimonianze La sezione "Life" del sito, una sorta di Press Room, raccoglie le testimonianze di chi ha vissuto Trancoso. Risulta evidente, leggendo gli articoli, che non si può non lasciarsi conquistare da questo posto magico. Da non perdere anche la sezione dedicata alle "Properties" che compongono l'offerta di luxury rental di Origem: tante immagini degli interni e le caratteristiche di ciascuna villa danno inizio al sogno Trancoso. Sponsored by Origem
CONDIVIDI

Nord

Tra le informazioni pratiche e necessarie per affrontare un viaggio c’è quella di conoscere il fuso orario. Così anche prima di preparare la valigia e volare a New York è bene sapere qual è l’ora locale. E non solo Di informazioni su cosa vedere e cosa non vedere a New York, cosa fare in sette giorni a New York, dove andare a mangiare a New York… e così via. Lasciamo dunque da parte tutte queste informazioni e concentriamoci su cose molto più pratiche, ma comunque utilissime per affrontare una vacanza a New York. A cominciare dal fuso orario: cosa affatto scontata da sapere. New York – Fuso orario Rispetto all’Italia qual è il fuso orario di New York? New York si trova sulla costa orientale degli Stati Uniti a 6888 km di distanza da Roma e 6463 km da Milano. Rispetto all’Italia New York è sei ore indietro: quindi se in Italia sono – per esempio – le 10 del mattino, a New York sono le quatto (sempre del mattino). Per quel che riguarda l’ora legale: i mesi i cui viene rispettivamente inserita e tolta sono marzo e fine ottobre/inizio novembre. New York – Fuso orario e mappa Altra cosa utilissima per va in vacanza a New York (oltre a conoscere il fuso orario). Qui sotto trovate la mappa della metro di New York: New York – Fuso orario, mappa e… lavorare nella Grande Mela L’idea di lavorare a New York è senz’altro affascinante. Perché New York è in qualche modo il centro del mondo. Se volete dei suggerimenti su quali settori puntare, leggete qui. Meteo a New York Che tempo fa a New York? Qui trovate il meteo in tempo reale e le previsioni.
CONDIVIDI

Nord

Qualche metro più in là c’è la sede dell’Fbi. A qualche isolato di distanza c’è invece la Casa Bianca. Nel mezzo di questo spazio così “particolare”, a Washington sorge un museo interamente dedicato all’arte dello spionaggio: il  museo delle spie.  Che nel 2012 ha celebrato i suoi primi dieci anni di vita. Uno “strano” museo L’idea di costruire uno Spy Museum dovette sembrare un po’ fuori luogo e pittoresca a metà degli anni Novanta – quando fu proposta – considerando che in quel periodo, causa la fine della guerra fredda, quella dello spionaggio era considerata un’arte in via d’estinzione. Ma con l’11 settembre l’America ha dovuto cambiare atteggiamento su questo fronte. Quella data viene infatti ricordata come il più grande fallimento dell’intelligence nella storia degli Usa. Le “menti” del museo Direttore esecutivo del museo da dieci anni è  un certo E. Peter Earnest, un passato – poteva essere altrimenti? – come agente segreto della Cia. Nel corpo direttivo dello Spy Museum oltre a ex direttori dell’Fbi e vecchi agenti della Cia, anche chi all’epoca della guerra fredda indossava la divisa russa, come il generale del Kgb Oleg Danilovich Kalugin, ormai residente negli Usa. La falsa identità del visitatore Il percorso all’interno del museo permette al visitatore di assumere una falsa identità e con quella partecipare al tour interattivo. Molti gli scenari. C’è la ricostruzione di alcune atmosfere tipiche dello spionaggio, come un caffè della Berlino del dopoguerra; o gli uffici moscoviti di Feliks Dzwerzhinsky, il fondatore della polizia sovietica ai tempi di Lenin (con tanto di passaggi segreti che si aprono dietro finte librerie e prigioni sotterranee dalle quali nella realtà ben pochi dissidenti russi uscirono vivi). C’è anche una curiosa collezione di oggetti. Dal “rossetto della morte” in cui è nascosta una piccolissima pistola, alla lettera – del 1777 – firmata in calce dal generale George Washington e indirizzata a un non meglio conosciuto uomo di New York cui venivano promessi 50 dollari per una missione di spionaggio. Immancabile, nella parte dedicata al cinema, la presenza di James Bond e della sua Aston Martin DB5 (quella del film Goldfinger) completa di sedili a espulsione.   Per uletriori informazioni consulta il sito dell'International Spy Museum.   Leggi anche: Il MoMa di New York Il Guggenheim di New York Il museo del sesso di New York
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv