Portorose – Partono i voli per le terme in Slovenia
Musei gratis nel 2011: gli eventi del MiBAC
Gennaio al caldo: vacanze al mare

Dove trovare a gennaio il caldo? Dove andare a gennaio al mare?

Molti decidono di passare le feste a casa in attesa di prezzi, offerte e last minute per gennaio. Non c'è niente di meglio infatti che passare uno dei mesi più freddi dell'anno al caldo, magari al mare tra palme e mare cristallino. Basta scegliere la meta giusta per la propria vacanza, magari scegliendo tra i posti dove passare le vacanze al caldo.

Sharm el Sheikh a gennaio

Sharm el Sheikh è una delle mete preferite dagli italiani che scelgono una meta calda non troppo lontana dall'Italia. Prezzi vantaggiosi e la possibilità di trovare last minute e offerte molto convenienti sono uno dei motivi principali. Ma anche il mare e la barriera corallina sono un'attrazione unica.

Ma oltre alla ormai frequentatissima Sharm, c'è anche Hurgada e la più selvaggia Marsa Alam, meta ideale per gennaio, dove si può ammirare una barriera corallina anche poco sfruttata e dove di possono fare interessanti escursioni nel Mar Rosso, come per esempio il Tempo di Philae.

Maldive a gennaio

Le Maldive (ammirate lo splendido video nella guida di Marcopolo) sono uno dei sogni invernali degli italiani. Gli ultimi anni hanno visto aumentare a dismisura l'interesse verso queste isole coralline uniche al mondo.

Per molti le Maldive sono uno dei posti dove scappare via, ma si può anche semplicemente passare una settimana da sogno nel mare caldo di queste isole, magari tra resort come il Six Senses Resorts & Spa o il Veligandu Island Resort.

Crociere a gennaio

Le crociere sotto le feste sono piuttosto costose e soprattutto affollate. Ma se attendete solo qualche giorno, allora non solo i prezzi sono più convenienti ma potrete godervi in pieno relax le splendide navi da crociera di ultima generazione.

Per chi non vuole allontanarsi ci sono le classiche crociere nel Mediterraneo con Costa Crociere o MSC Crociere. Per chi vuole invece passare gennaio al caldo, ci sono anche i Caraibi, Dubai o addirittura una crociera tra Rio de Janeiro e Buenos Aires.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Africa

Il turismo in Namibia è strettamente legato al discorso ecologico e di tutela del territorio. Non potrebbe essere altrimenti se si vuole che gli splendidi scenari namibiani rimangano intatti. Il 40 per cento del territorio è protetto. Per questo un  viaggio in Namibia è ancora più affascinante C'è solo un modo per visitare quel Paese di straordinaria bellezza che è la Namibia. C'è solo una strada, quella dell'ecoturismo. Non a caso, infatti, la Namibia è stata una delle prime nazioni al mondo a includere la protezione dell'ambiente nella sua Costituzione. E i numeri parlano chiari: circa il 40 per cento della superficie della Namibia è protetta o come parco nazionale, o come riserva di caccia. O in altra forma che tutela comunque il territorio rendendolo "intoccabile".  Dalla costa alle zone desertiche interne: le aree sotto tutela sono un po' ovunque. Ed è in questo ambito di forte attenzione alla natura che si inserisce - in Namibia - anche il turismo. Anzi, l'ecoturismo: che prevede - per esempio - la possibilità di visitare alcune zone solo in gruppi numericamente ristretti di persone così da non danneggiare l'ambiente. Così da ridurre il più possibile l'impatto sul territorio, senza però negare la possibilità di vedere paesaggi decisamente rari per la loro bellezza. Basti pensare alla regione del Damaraland, o al Namib (il cosiddetto "deserto rosso"), o ancora all'Etosha National Park. Tutto questo si concretizza nella possibilità - per esempio  - di dormire nei campi tendati, aspettare che il sole tramonti seduti per terra. E poi risvegliarsi col sole che pian piano comincia a scaldare la natura. La Namibia offre comunque strutture in ottime condizioni, dove tutto è costruito con materiali locali. Lo stesso discorso vale per i lodge che possono essere forse un po' più comodi delle tende, ma dove tutto è assolutamente rispettoso dell'ambiente. Leggi lo speciale di Marcopolo dedicato alla Namibia
CONDIVIDI

News ed Eventi

Questa è l’estate dei festeggiamenti a Forte dei Marmi. La località più famosa della Versilia celebra i suoi primi cento anni di vita e mondanità Sono festeggiamenti lunghi quelli per il centenario del comune di Forte dei Marmi, che il 26 aprile 1914, a furor di popolo, dichiarava la sua indipendenza da Pietrasanta. Forte dei Marmi è la capitale della Versilia: voluto dal Granduca Leopoldo di Lorena, quando ancora era un piccolo borgo di pescatori e carrettieri, da sempre amato dalle grandi famiglie italiane, oggi è il quartier generale dello shopping à la page, degli alberghi eleganti e dei ristoranti stellati. Ma Forte dei Marmi resta sempre un piccolo paese della riviera tirrenica, con pensioni familiari e trattorie di pesce. Forte dei Marmi - Eventi Fulcro della lunga programmazione di eventi in onore del centenario di Forte dei Marmi  è Villa Bertelli con la sua Fondazione, che quest’anno in particolare ha contribuito a rendere il Forte meta privilegiata. Tra le mostre allestite per l’occasione, “Camere d’artista”, l’esposizione sul design italiano con nomi di spicco come Gio Ponti e Maurizio Tempestini, fino al 14 settembre. Forte dei Marmi – Cosa fare Forte dei Marmi – Stabilimenti A Forte dei Marmi la giornata  inizia con la tradizionale colazione al Caffè Principe, affacciato sulla via principale del centro o alla Caffetteria Il Giardino, altro punto fermo per affezionati. Pedalando verso la spiaggia, si incontrano decine e decine di stabilimenti, ciascuno con la sua storia. La stagione scorsa ha inaugurato i primi bagni a marchio Barilla. Forte dei Marmi significa anche Bagno Piero: con l’ottimo ristorante a bordo piscina è dal 1933 uno dei più storici e ambiti dal jet set. Un concetto di ristorazione trendy e dinamica caratterizza Fratellini’s, perfetto per un pranzo sul mare senza rinunciare ad un’ottima proposta gastronomica. Forte dei Marmi – Shopping Forte dei Marmi è anche il tempio dello shopping, dove vicino a boutique griffate e famosi monomarca, resistono ancora indenni artigiani come Giovanni del Forte che da trent’anni fa i suoi zoccoli su misura. Mitico il mercato del mercoledì e della domenica in piazza Marconi. Forte dei Marmi – L’aperitivo Il rito dell’aperitivo è insito nell’anima di Forte dei Marmi, tanto che ormai tutti gli stabilimenti si sono attrezzati per permettere ai propri clienti, e non solo, di restare in spiaggia a sorseggiare un cocktail. Per chi non bada a spese, il posto più trendy per l’happy hour è il 67 Sky Lounge Bar sulla terrazza dell’Hotel Principe, 5 stelle entrato a far parte di The Leading Hotels of the World. Il resort, in occasione del Centenario, propone un soggiorno speciale, con colazione in camera, cena al Lux Lucis, accesso esclusivo alla Spa e utilizzo dello Yacht Mazarin’72 (a partire da 600 euro a notte a persona). Forte dei Marmi – Dove andare a cena E per la cena c’è l’imbarazzo della scelta: lo storico Lorenzo, in centro, famoso in tutta la Versilia e, da oltre 30 anni, luogo di riferimento per appassionati gourmet, oppure Orlando, da provare almeno una volta: le sue focaccine sono un’istituzione. Forte dei Marmi – Divertimenti Negli ultimi vent’anni Forte dei Marmi ha rafforzato la sua vocazione turistica e mondana, entrando di fatto nella top ten delle città italiane del divertimento. Le notti in Versilia sono famose soprattutto per La Capannina di Franceschi, tempio indiscusso del divertimento già negli anni ’60, e per il Twiga, dove è facile trovarsi a stretto contatto con personaggi del jet-set. Di fama recente, il Beach Club Village, non solo uno stabilimento balneare innovativo per concezione e servizi, ma anche ristorante raffinato e uno dei club più apprezzati. Nel numero in edicola della rivista Marcopolo - Diari di Viaggio trovate uno speciale dedicato al centenario di Forte dei Marmi: una guida completa degli eventi organizzati, i consigli su dove mangiare, dove dormire e cosa fare nel cuore della Versilia
CONDIVIDI

News ed Eventi

A partire dal 22 luglio è in edicola il nuovo numero della rivista di Marcopolo. Ospite d'onore in copertina e nel servizio di apertura l'attrice Caterina Murino, di origine sarde. Che ci conduce alla scoperta di una Sardegna più selvaggia, quella del sud Questo  nella Sardegna meridionale è un viaggio lontano dal clamore e dalla mondanità. Guidato dalla natura, attraversato da strade che assecondano il paesaggio aprendosi sulla costa o penetrando nell’entroterra. Che esorta al silenzio delle calette solitarie, che invita a esplorare aree protette, al relax nelle ottime strutture di accoglienza, a gustare i sapori forti della terra e quelli più leggeri del mare, a sfiorare le trame dei tessuti, a contemplare i fenicotteri. Sardegna: la costa meridionale È una Sardegna splendida, facilmente raggiungibile arrivando all’aeroporto di Cagliari, da cui partire all’esplorazione della costa del sud, ancora incontaminata nella sua bellezza selvaggia, ma con tutti i servizi e le comodità per godere appieno della vacanza. Il mare lascia a bocca aperta per quanto è trasparente, con tutte le sfumature, dall’azzurro chiaro al blu scuro. Verrebbe da dire un mare da Maldive, ma in realtà chi conosce questa zona, lo sa: questo è un mare da Sardegna. Iniziamo la scoperta del territorio spostandoci a est di Cagliari, nella zona di Villasimius (dove si può alloggiare all’Hotel Cala Caterina), per proseguire nell’entroterra, nel paese di Orroli, famoso per i molti tipi di pani, e finire sulla costa a ovest della città, con spiagge splendide come Chia. La Sardegna di Caterina Murino Ad accompagnarci in questo viaggio è Caterina Murino, l’attrice che, pur nella dimensione internazionale del suo successo, sente ancora forte il legame con le origini: cagliaritana doc, ama e conosce questa terra con entusiasmo contagioso e ne è un’ambasciatrice perfetta: “Provo un amore viscerale per la mia terra. Ogni volta che torno è un colpo al cuore. E un colpo d’occhio… quest’isola è fatta di luoghi a tratti inesplorati, di natura selvaggia, di colori magici. Come quelli delle sue acque, limpide e smeraldine, che credetemi non ho trovato in nessun altro posto al mondo. Persino le Maldive non hanno quell’elettricità del nostro mare e quell’unicità delle nostre calette.”     ... continuate a leggere l'articolo sulla rivista.... Marcopolo - Diari di Viaggio agosto-settembre 2014 è in edicola a partire dal 22 luglio Gli estratti della rivista: - Piccole isole italiane. Mare bello e possibile - Forte dei Marmi compie 100 anni - Le migliori trattorie d'Italia
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv