Basilica di Massenzio – Roma antica
Montalcino – Guida Toscana
Foro Romano - Roma antica

Molti li confondono con i Fori Imperiali, ma il Foro Romano risale alla precedente età repubblicana. Centro commerciale, religioso e giudiziario della città fino a tutta l'età repubblicana nonché monumentale luogo di memorie.

Il Foro Romano è legato nella sua origine alla trasformazione in organismo urbano dei primitivi villaggi sorti sulle alture dei colli circostanti.

Posta tra il Palatino, il Campidoglio e le ultime pendici del Quirinale e del Viminale, la valle del Foro era stata anch'essa interessatam sia pure marginamente, della presenza di modesti nuclei di capanne tra la tarda età del Bronzo e la prima età del Ferro.

Verso al fine del VI secolo a.C. il Foro Romano dopo essere stato bonificato dalle acque stagnanti mediate la Cloaca Maxima, ricevette una regolare delimitazione e la prima pavimentazione.

Da quel momento, mentre la parte della valle che è ai piedi del Campidoglio veniva destinata alle funzioni politiche, la zona più estesa assumeva il ruolo della "piazza", il Forum vero e proprio.

Informazioni: Via di San Gregorio (Palatino) e di Largo della Salara Vecchia - prezzi: 12 euro (ridotto 7,50 euro) - orario: dalle 8.30 alle 17.30 (19.00 in estate) - tel. 060606

Scopri l'itinerario della Roma antica, tra archeologia, storia e mito o guarda la guida di Roma.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Centro

Di questi tempi spesso è impossibile prendere l’automobile a Roma per il blocco del traffico. Bisogna arrendersi all’idea di usare i mezzi pubblici, o meglio andare a piedi Il blocco delle automobili può rivelarsi un’ottima occasione per riscoprire Roma a piedi. La città si presta, perché molti dei suoi monumenti li si può visitare camminando in una sola giornata. Ecco il nostro itinerario per visitare Roma a piedi nelle giornate del blocco del traffico. Blocco del traffico a Roma – Itinerario a piedi Blocco del traffico a Roma - Prima tappa: Colosseo In caso di blocco del traffico a Roma, per scoprire il centro della città a piedi, la prima cosa da fare è salire sulla metro B e scendere alla fermata del Colosseo. Questo è un buon punto di partenza, soprattutto perché appena risaliti in superficie vi troverete davanti il monumento più famoso di Roma: il Colosseo, appunto. Blocco del traffico a Roma - Seconda tappa: Foro Romano Una volta visitato il Colosseo vi potete dirigere a piedi verso il Foro Romano: il vecchio cuore dell’Impero. Vi troverete a camminare tra rovine di templi, basiliche e andando ancora avanti il Campidoglio. È la Roma delle meraviglie: una vera “Grande Bellezza”. Blocco del traffico a Roma – Terza tappa: Fontana di Trevi Qualche passo ancora e il successivo monumento da visitare è Fontana di Trevi. La fontana barocca di Nettuno è un famoso luogo di ritrovo per turisti a Roma. Da lì, a meno di dieci minuti a piedi troverete anche il Pantheon. Blocco del traffico a Roma - Quarta tappa: Piazza di Spagna L’ultima tappa di questo tour a piedi nel caso di blocco del traffico a Roma è Piazza di Spagna. Dove tra l’altro trovate la fermata della metro A che vi potrà riportare verso la strada di casa… senza automobile. - I 10 luoghi da visitare a Roma - Cosa fare a Roma gratis - La Roma del Caravaggio - Le borgate di "Mamma Roma" - Roma: dove mangiare (le migliori trattorie) Vi affascina l’idea di viaggiare seguendo i nostri consigli? Cliccate qui per prenotare voli e hotel. Troverete le offerte più convenienti
CONDIVIDI

Centro

La Grande Bellezza ha vinto l'Oscar.  Protagonista assoluta del film La Grande Bellezza è la città di Roma. Una Roma decadente e decaduta. Una Roma bella e dannata. Una città che può essere un infernale canto delle sirene. La Roma de La Grande Bellezza è un vortice di truffatori, cardinali, peccatori e santi. Ma è inevitabilmente (come non potrebbe?) una città bellissima La Grande Bellezza e (è) Roma Qual è la Roma de La Grande Bellezza? In quali posti è stato girato il film di Paolo Sorrentino - vincitore dell'Oscar - con lo straordinario Toni Servillo? Ecco il tour de La Grande Bellezza. Naturalmente non ha le pretese d’essere un tour esaustivo. Ma rende l’idea della bellezza di Roma (e del film). La Grande Bellezza… sul Lungotevere Il Tevere che taglia in due la città di Roma è anche una “strada” su cui si affacciano numerose perle architettoniche. Il Tevere è fondamentale per la storia di Roma: lungo le sue due sponde si sono svolti alcuni degli avvenimenti più importanti per la città. Dalla nascita in poi… La Grande Bellezza… a Via Veneto Già protagonista de La Dolce Vita di Federico Fellini, Via Veneto è cruciale anche per La Grande Bellezza di Sorrentino. Da sempre è una delle strade più chic della città. Rappresenta la Roma-bene. Necessaria location per qualsiasi film che racconti in qualche modo la decadenza romana. La Grande Bellezza… nel Parco Degli Acquedotti Il Parco degli Acquedotti è parte del Parco Regionale dell’Appia Antica. 15 ettari di terreno dove si trovano anche i resti della Villa della Vignacce. Qui è stata girata una scena surreale de La Grande Bellezza: Jep (Toni Servillo) intervista la performer artistica Anita Kravos. Cinismo e bellezza. La Grande Bellezza… nella Villa del Priorato di Malta La Villa del Priorato di Malta si trova sull’Aventino. Ed è la sede del Sovrano Militare Ordine di Malta. Un tempo era un monastero benedettino fortificato che poi passò sotto il possesso dei Templari. Una volta “scomparsi” i Templari, la Villa è passata ai Cavalieri Ospitalieri e infine all’Ordine di Malta. La Villa – una delle location de La Grande Bellezza – conosciuta in tutto il mondo non per la sua storia, ma per un “dettaglio”: quel buco della serratura attraverso il quale si vede la cupola di San Pietro. La Grande Bellezza… a Sant’Agnese in Agone Sant’Agnese in Agone è una chiesa barocca del Diciassettesimo secolo (ed è la Roma barocca il simbolo de La Grande Bellezza). La chiesa si affaccia su Piazza Navona: al suo progetto hanno collaborato Francesco Borromini e Gianlorenzo Bernini… più Roma Barocca di così… La Grande Bellezza… alle Terme di Caracalla Le Terme di Caracalla sono tra le più grandi teme pubbliche romane, volute dall’imperatore Caracalla tra il 212 e il 216 dopo Cristo. Potevano ospitare fino a 1500 persone. Sono rimaste in funzione fino al Sesto secolo dopo Cristo. Da allora sono diventate una delle attrazioni turistiche più visitate di Roma. Qui è stata girata la scena in cui un prestigiatore prova a far sparire una giraffa…. La Grande Bellezza… alla Fontana dell’Acqua Paola Commissionata all’architetto barocco Giovanni Fontana, anche questa opera trova spazio (e inquadratura) ne La Grande Bellezza di Sorrentino. Si trova sul Gianicolo, alla fine di via Garibaldi. È anch’esso un monumento barocco. Qui è stata girata la sequenza iniziale del film: le donne che cantano e il turista che sviene di fronte alla bellezza del Fontanone. La Grande Bellezza… dentro Palazzo Spada  Palazzo Spada è una delle altre tappe della Roma barocca che fa da sfondo a La Grande Bellezza. Si tratta di un palazzo ristrutturato nel Seicento dall’architetto Borromini. Il quale ha creato un piccolo capolavoro architettonico: un’illusione ottica grazie alla quale il porticato sembra raggiungere i 37 metri di lunghezza. Invece sono solo 8. La Grande Bellezza… dentro il Tempietto del Bramante Il Tempietto del Bramante è un piccolo capolavoro che si trova all’interno della chiesa di San Pietro in Montorio (al Gianicolo): si tratta in realtà di una tomba in stile barocco. Leggenda vuole che esattamente nel posto dove si trova ora la chiesa fosse stato crocifisso San Pietro. La Grande Bellezza: quella casa sulla Cassia Antica Una villa anni '60 totalmente ristrutturata in chiave contemporanea. Questa è la casa de La Grande Bellezza sulla Cassia Antica. Vi affascina l’idea di viaggiare seguendo i nostri consigli? Cliccate qui per prenotare voli e hotel. Troverete le offerte più convenienti Roma, capitale da film Le borgate di Mamma Roma Gli studios di Cinecittà Beatrice Cenci e la Roma del Seicento
CONDIVIDI

Centro

Santa Fiora è un piccolo paese sul Monte Amiata (in Toscana). Zona questa dove un tempo (e si tratta di un tempo non molto lontano) tutti lavoravano in miniera I cittadini di Santa Fiora non sfuggivano a questa regola: e prima ancora d’essere abitanti di uno stesso paese erano compagni di vita in miniera. Perché la miniera è un altro mondo. Fa nascere legami impensabili altrove. Consolida sentimenti mai provati. Non si è semplici lavoratori, sotto terra. Si è minatori. E questo, a Santa Fiora, aveva un significato ben preciso. Chissà com’era lavorare nelle miniere di Santa Fiora. Come sarà stato rinchiudersi sotto terra (sotto il Monte Amiata)  quando tutto intorno là fuori c’è la bellezza della Toscana? Com’era la vita delle viscere? Le miniere di Santa Fiora La ricchezza di Santa Fiora si chiamava cinabro (un minerale composto da zolfo e mercurio):  una ricchezza che veniva da sotto terra e che ha segnato la storia di questa piccola comunità, così come è successo per gran parte dei paesi sul Monte Amiata. A Santa Fiora in molti scelsero la miniera. Tutto sommato era un lavoro che permetteva un certo benessere. Pericoloso, sì. Ma quel che si portava a casa a fine mese era un salario sicuro. E questo bastava a sostenere quella scelta. Perché a Santa Fiora non è che ci fosse tanto altro da fare. E d’inverno, poi, fuori era tutto ricoperto di neve. Impossibile mettersi a lavorare nei campi. I tesori di Santa Fiora A Santa Fiora oggi c’è un altro tesoro, non più il cinabro. Si tratta dei bassorilievi in ceramica conservati nella chiesa principale del paese. Figure morbide, delicate, lucenti, quasi a voler contrastare il buio, la fatica, le mani sporche di chi si rinchiudeva sotto terra per guadagnarsi un piatto di minestra e far studiare i figli. Santa Fiora oggi Oggi Santa Fiora è un paese delizioso ai piedi del Monte Amiata. La neve in inverno le conferisce un certo qual silenzio come ad attutire ogni rumore. Per questo Santa Fiora è un incanto che merita una visita. Un consiglio: chiedere dei minatori. Troverete sempre qualcuno disposto a raccontarvi la storia di chi scendeva a lavorare sotto la terra del Monte Amiata. Vedi gli altri borghi più belli d'Italia: Dozza, il borgo dipinto Vigoleno, tra le nebbie del passato Castell'Arquato... e la figlia di un Papa Dolceacqua e i dipinti di Monet Orgosolo, murales e resistenza Monteriggioni, l'entrata all'Inferno Racalmuto. O Regalpetra?
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv