Tanti auguri Gran Paradiso! Il 3 dicembre il Parco compie 90 anni
Gli I(n)soliti Regali di Ecpat per Natale 2012
Dicembre: dove andare in vacanza

Cercate una destinazione ideale per dicembre dove andare in vacanza? Eccovi una selezione dei luoghi migliori da visitare a dicembre dove passare al meglio le vostre vacanze di Natale in Europa e non solo.

Europa: le migliori destinazioni di dicembre

In Europa il mese di dicembre corrisponde a vacanze in montagna e sulle piste da sci. Le tendenze delle vacanze invernali 2013-2014 saranno all'insegna del relax, dello sport e della natura.
Come destinazioni migliori vi consigliamo i Pirenei francesi e spagnoli dove gli sciatori troveranno una vasta scelta di piccole strutture alberghiere con ottima neve e prezzi ragionevoli anche durante le festività natalizie. Sempre in tema neve in montagna vi segnaliamo le Alpi Austriache, Svizzere o Italiane come la Val Gardena o la Val di Fassa.
Non mancate poi di fare una visita ai tanti mercatini di Natale presenti in Italia, ecco i più belli, e all'estero come Strasburgo, Monaco o Bruxelles. Preparate sciarpe, cappellini e guanti in quanto il clima sarà ovunque gelido e a tratti piovoso!

Emisfero sud: le migliori destinazioni di dicembre

Per andare sul sicuro si potrebbe puntare ad uno dei tanti paradisi dell''emisfero sud dove a dicembre è estate e alcuni paesi hanno il clima piacevole e perfetto per una visita.

Parliamo dell Sud Africa, dell'Australia (solo quella meridionale come Adelaide e Melbourne per intenderci in quanto la parte a nord è a rischio tempeste) e dei paesi di tutta l'America latina del sud come Cile, Perù e Argentina

Emisfero nord: le migliori destinazioni di dicembre

Nell'emisfero nord il mese di dicembre è scarsamente piovoso.
Le migliori destinazioni sono in paesi dell'America centrale come Messico e Costarica, e dei caraibi come Cuba, Giamaica, Bahamas, Guadalupa e Barbados.

 

Se invece il vostro sogno è l'Africa vi consigliamo il Kenya, il Marocco, la Tunisia e l'Egitto.
Amate il surf? Allora cominciate a pensare seriamente a organizzare un bel viaggetto alle Hawaii!

Sconsigliatissimi a dicembre

Non fatevi ingannare dalle spiagge paradisiache e dai tramonti romantici di paesi come Madagascar, le Seychelles, le Mauritius e Brasile in quanto nel mese di dicembre sono a fortissimo rischio piogge e uragani.

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

News ed Eventi

Marcopolo vi presenta un'interessante mostra che si svolge a partire da giovedì 12 marzo 2015 ad Ostia Antica: “Manzù. Le donne e il fascino della figura”. La mostra di Manzù permetterà di ammirare alcune delle più belle opere del maestro bergamasco.  Manzù. Le donne e il fascino della figura Giovedì 12 marzo 2015 si è aperta al pubblico la mostra “Manzù. Le donne e il fascino della figura” a cura di Lea Mattarella. L’Area archeologica di Ostia Antica, museo e scavi, diventa luogo di profondo dialogo tra storia antica e bellezza, ospitando trenta opere del maestro bergamasco. Un fil-rouge si snoda tra le statue di divinità esposte nel museo e il fascino della donna di Manzù, tra i suoi lavori e le antiche teste auliche e stilizzate. L’evento è promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma, in collaborazione con Il Cigno GG Edizioni. Il percorso espositivo si conclude nell’ultima sala del Museo, dove è allocata la grande tela intitolata Pittore e modella, del 1958, e si snoda attraverso una serie di sculture e disegni in cui la figura, prevalentemente femminile, viene investigata con passione meticolosa, attraverso le tecniche espressive che furono tre le preferite del Maestro bergamasco: carboncino, acrilico, olio su tela, sculture in bronzo. La donna, di cui è visibile il capolavoro che Manzù tenne nella sua camera da letto per tutta la vita e che ritrae la moglie Inge, ricondotta all’essenza e alla forza del suo essere, denudata di ogni vanità terrena, è fonte inesauribile d’ispirazione per l’artista che la ritrasse fin dal 1935, in opere agli antipodi dall’approccio accademico. All’esterno le sculture dialogano sia con la storia millenaria del luogo, animando di figure l’antica città, sia con i visitatori che potranno apprezzare da vicino il lavoro del Maestro bergamasco. All’ingresso dell’area un cardinale monumentale accoglie i visitatori di Ostia Antica, per ricordare che oltre alle donne Manzù fu scultore e interprete straordinario ed anche innovativo dell’arte sacra, di cui appunto la serie dei cardinali e la Porta della Morte in San Pietro sono capolavori dell’arte plastica del Novecento. La mostra sarà corredata da un percorso creato ad hoc con forex esplicativi, totem e pannelli, che illustreranno al visitatore la vita e le opere dell’artista. Una piantina, infine, permetterà allo spettatore di rintracciare agilmente le sculture nell’area dello scavo. SCHEDA TECNICA Titolo mostra: Manzù. Le donne e il fascino della figura Periodo: 13 marzo – 6 novembre 2015 Mostra promossa da Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano, e l’Area Archeologica di Roma in collaborazione con Il Cigno GG Edizioni A cura di: Lea Mattarella Ideazione: Paola Germoni e Lorenzo Zichichi Sede espositiva: Museo e Area Archeologica di Ostia Via dei Romagnoli, 717 00119 Roma martedì - domenica 10.30-13.30, 14.30-18.15 lunedì chiuso Informazioni: 06 56368003-0656358099 Servizio di Comunicazione: Sandra Terranova 06 56358003 Promozione SSBAR sandra.terranova@beniculturali.it Ufficio Stampa: Il Cigno GG Edizioni Tel. +39 06 6865493 ufficiostampa@ilcigno.org www.ilcigno.org
CONDIVIDI

Europa

Un evento che affascina l'uomo sin dalla notte dei tempi: l'eclissi solare. Nella vita di ognuno, non sono molte le occasioni per vederne una. Per questo motivo Marcopolo vi suggerisce di impostare un promemoria per non perdervi quella del 20 marzo 2015. Vediamo come e dove vedere l'eclissi solare di marzo 2015 in Italia. Eclissi solare marzo 2015 dove vederla in Italia In occasione di un'eclissi, Sole, Luna e Terra si trovano allineati: nel caso di eclissi solare, la Luna si interpone tra noi e il Sole nascondendolo (parzialmente o totalmente) alla nostra vista. Quella di marzo 2015 rappresenta un'eclissi importante: il sole in Italia verrà oscurato fino al 70%, un evento che si ripeterà soltanto nell'agosto del 2026. Per un'eclissi totale, in Italia, bisognerà attendere il 2081! Eclissi solare 2015: quando [caption id="attachment_35546" align="aligncenter" width="622"] Eclissi solare 2015: in Italia sarà parziale[/caption] La data è venerdì 20 marzo 2015. L'orario esatto varia a seconda della posizione, ma orientativamente l'eclissi sarà visibile di mattina. Dunque, quando vedere l'eclissi solare? Lo spettacolo sarà maggiore al Nord, dove si potrà vedere la Luna coprire oltre il 70% del sole; al Sud ci si fermerà al 50%. Il culmine è previsto alle 10.31 a Roma, pochi istanti dopo a Milano, e durerà complessivamente un'ora.  A Bologna sarà circa del 60% e comincerà già alle 9.25, con il culmine alle 10.33. A Udine dovrebbe iniziare alle 9.30 e toccherà il culmine alle 10.39. A Milano la copertura del disco solare arriverà al 65% cominciando alle 9.24 e culminando alle 10.32 per terminare alle 11.44. A Catania invece la copertura sarà solo del 40%. Cagliari sarà la prima con culmine alle 10.24. A Napoli inizio alle 9.25, culmine alle 10.33. A Lecce e Trieste gli sguardi vanno alzati alle 10.38. Eclissi solare: come vederla ATTENZIONE: guardare il sole, anche durante un'eclissi, può danneggiare irreversibilmente gli occhi e causare addirittura la cecità. Chi volesse vedere l'eclissi, dovrà utilizzare degli strumenti appositi: un paio di occhiali da saldatore con indice di protezione 14, oppure occhialini appositi in mylar o astrosolar da chiedere al proprio ottico di fiducia. Utilizzare binocoli o telescopi non vi proteggerà e non vi dispensa dal prendere le opportune precauzioni. Un rimedio fatto in casa è quello di usare i bordi più scuri di due radiografie e sovrapporli. Gli occhiali da sole, invece, non sono sufficienti a proteggere gli occhi. Eclissi solare: come fotografarla   Per chi desiderasse immortalare l'evento, è importante sottolineare che anche fotocamere e videocamere possono subire dei danni a causa dell'esposizione diretta al sole. Ecco i nostri consigli: Utilizzare un filtro scuro davanti all'obiettivo Utilizzare obiettivi con molto zoom (tele-obiettivi) Impostare la messa a fuoco a distanza infinita Impostare una velocità ISO ridotta Chiudere il diaframma per aumentare la nitidezza (e ridurre lo sfuocato di altri elementi eventualmente presenti nella composizione) Effettuare vari scatti a diverse esposizioni per trovare quello che più ci aggrada Utilizzare la funzione HDR se desponibile Fotografare l'eclissi con un cellulare o una macchina fotografica con poco zoom ottico sarà praticamente inutile. Eclissi solare marzo 2015: dove vederla L'eclissi solare del 20 marzo 2015 sarà totale per pochi fortunati. Stiamo parlando delle zone dell'Atlantico settentrionale, dalle Isole Faeroer alle Isole Svalbard, dove la luna coprirà completamente il sole; nel resto d'Europa, Italia compresa, l'eclissi sarà parziale. Purché muniti delle opportune protezioni agli occhi, chiunque può osservare lo spettacolo. Marcopolo consiglia un bel prato o un parco della propria città, sperando che il cielo sia limpido. È anche possibile seguire l'eclissi solare online in diretta streaming su YouTube.
CONDIVIDI

News ed Eventi

Quando è la Festa della Mamma? Non facciamoci trovare impreparati: Marcopolo vi dice quand'è la Festa della Mamma nei prossimi anni e qual è il suo significato.  Quand'è la Festa della Mamma? Data e giorni della settimana La Festa della Mamma si celebra in tutto il mondo in onore della madre e della maternità. Non c'è un giorno fisso in cui si festeggia: la data cambia anno dopo anno, un po' come accade per Pasqua e Carnevale. Quando si festeggia in Italia In Italia la Festa della Mamma cade ogni seconda domenica di maggio. Nel resto del mondo, tuttavia, non vale la stessa regola: se gli USA, il Giappone, la Germania e molti altri Paesi festeggiano lo stesso giorno dell'Italia, ciò non è vero ad esempio per la Gran Bretagna (quarta domenica di quaresima), per molti paesi del Medioriente (21 marzo) e dell'Europa orientale (8 marzo). Prima di vedere il calendario delle date della Festa della Mamma nei prossimi anni, scopriamone il significato. Festa della Mamma: Significato e Storia Come detto, si tratta di un giorno in onore della figura materna e della maternità in generale. Non è nata nello stesso momento in tutto il mondo, anzi, in Italia è arrivata piuttosto tardi, negli anni '50. Negli USA, invece, risale all'inizio del '900 ed è stata ufficializzata come Mother's Day nel 1914 dall'allora presidente Wilson. Per circa cinquant'anni, in Italia, si è festeggiata l'8 maggio, prima di diffondersi gradualmente l'uso di celebrarla la seconda domenica di maggio. Calendario date della Festa della Mamma Ecco quando è la Festa della Mamma nei prossimi dieci anni! Festa della Mamma 2015: 10 maggio Festa della Mamma 2016: 8 maggio Festa della Mamma 2017: 14 maggio Festa della Mamma 2018: 13 maggio Festa della Mamma 2019: 12 maggio Festa della Mamma 2020: 10 maggio Festa della Mamma 2021: 9 maggio Festa della Mamma 2022: 8 maggio Festa della Mamma 2023: 14 maggio Festa della Mamma 2024: 12 maggio Festa della Mamma 2025: 11 maggio Tanti auguri a tutte le mamme da Marcopolo!  Leggi anche:  Quando è la Festa del Papà Ferragosto: scopriamo il significato
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv