alice lifestyle leonardo marcopolo

La vacanza perfetta per Maddalena Corvaglia? Alle Cicladi, in Grecia. Sì proprio le Cicladi, il gruppo di isole che si trova a sud-est della Grecia. Che hanno come comun denominatore: spiagge belle, mare limpido e casette bianche. Ciascuna delle Cicladi ha però anche il proprio carattere. Ciascuna si presta a gusti e desideri turistici differenti

Le Cicladi visitate (e amate) da Maddalena Corvaglia sono tre: Mykonos, Paros e Folegandros.

Mykonos, le Cicladi del divertimento

Mykonos è l’isola del divertimento e della vita notturna. E’ – soprattutto – l’isola della trasgressione. I giovani vengono qui da ogni parte del mondo attirati non solo dal mare, ma anche dalle discoteche e dalle spiagge dove risuona la musica. Mykonos è l’isola della disinvoltura. Destinazione amata dal turismo gay. Ma c’è da aggiungere che, essendo un’isola piena di locali e distrazioni, non è certo un’isola economica. E in estate è molto affollata.

Per chi voglia godersi la Mykonos più vera, il consiglio di Maddalena Corvaglia è di svegliarsi presto al mattino e frequentare le spiagge fino al primo pomeriggio (quando la maggior parte dei viveur sta ancora dormendo).

Chi invece sceglie Mykonos proprio per la sua movida, la Corvaglia raccomanda di tenere bene a mente un nome: Cavo Paradiso. Si tratta della spiaggia con il beach bar più trendy di tutta la Grecia. Musica ed eventi fino al mattino. Un’altra spiaggia trendy è quella di Kalolivadi con il Sol y Mar, che serve sushi direttamente sul lettino in riva al mare.

Poi ci sono le spiagge poco frequentate e intatte, tra cui Lìa. Tutte, comunque, offrono sabbia fine e acque cristalline con sfumature che vanno dal color smeraldo al blu cobalto.

Paros, mondanità ma con lentezza

La seconda isola scelta da Maddalena Corvaglia è Paros. Paros è un’isola vivace e rilassata. La vita da queste parti ha un lato di mondanità un po’ pigra, che si svolge ai tavolini dei caffè e dei ristoranti trendy del centro principale, Parikià.

Nei vicoli bianchi di Parikià troverete diverse belle e raffinate boutique, mentre per bere qualcosa osservando il passeggio, si ha solo l’imbarazzo della scelta tra i molti locali affacciati sul porto.

Ma a fare tendenza è soprattutto Nàousa, l’incantevole paesino sulla costa settentrionale, frequentato anche dal jet-set internazionale. Il paesino di Nàousa è rimasto nel cuore di Maddalena Corvaglia. Qui tutto scorre ancora con le modalità del tranquillo villaggio che Nàousa era fino a poco tempo fa: i pescatori attraccano con le loro barchette colorate e i bambini giocano a piedi nudi sui frangiflutti.

Tra gli spettacoli naturali che l’isola di Paros regala, da non perdere è Petaloudes, ossia la Valle delle farfalle, un posto idilliaco verde e silenzioso a otto chilometri da Parikià, che tra maggio e agosto si riempie di un numero incredibile di farfalle.

Folegandros, le Cicladi intatte

L’ultima delle Cicladi visitate dalla Corvaglia è l’isola di Folegandros. Un po’ più discosta. Un po’ meno scoperta dal turismo di massa. Per arrivarci ci vuole più tempo, ma in compenso qui si gode di un’atmosfera autentica e di una pace idilliaca.

In passato usata come località di confino dei prigionieri politici, oggi Folegandros grazie alle navi veloci non è più così fuori mano, ma conserva la sua bellezza selvaggia e le sue spiagge sono ancora incontaminate.

La Chora, ossia il villaggio principale, è probabilmente la più spettacolare delle Cicladi, a strapiombo su una roccia di falesia, sul mare azzurrissimo e così trasparente che, nonostante l’altezza di 200 metri, si distinguono i pesci nuotare.

Nonostante ormai un certo turismo sia arrivato anche qui, il ritmo di vita è ancora quello di una volta sull’isola di Folegandros (650 abitanti), che non ha una banca ed è ancora priva di elettricità nella parte nord. Anche la natura a Folegandros è rimasta intatta, a cominciare dallo splendore delle spiagge: alcune sono frequentate e attrezzate, ma molte sono l’ideale per chi ama gli angoli incontaminati e solitari.

Maddalena Corvaglia racconta così le sue Cicladi

“Le Cicladi sono un paradiso: uno splendido mare, bellissima atmosfera, buona cucina… Ci tornerò sicuramente!” . Così Maddalena Corvaglia commenta il suo viaggio in queste tre splendide isole delle Cicladi.