Come trasferirsi alle Isole Fiji – Mollo tutto
Cambiare vita: ecco come!
Come trasferirsi a Santo Domingo - Mollo tutto

Per molti è solo un sogno, ma alcuni l'hanno già fatto. Ma allora come trasferirsi ai Caraibi, ed in particolare a Santo Domingo, e cambiare vita per sempre.
Aldo Breda e Roberta Contessi hanno mollato tutto e hanno deciso di trasferirsi a Sosua nella Repubblica Dominicana, lo stato caraibico che occupa una parte dell’isola Hispaniola, nelle Grandi Antille.
Sosua è una piccola località nell’omonima baia sulla costa settentrionale di Santo Domingo, con splendide spiagge bordate di palme da cocco e un mare calmo e trasparentissimo, vero paradiso per lo snorkeling e le immersioni
La natura è incontaminata, ma non mancano tutti i servizi necessari (gli alberghi, i ristoranti, la vita notturna, l’ospedale) e la cittadina, soprattutto nel quartiere turistico di El Batey, ha uno stile architettonico europeo che lo rende familiare, essendo stato fondata da una colonia di ebrei tedeschi rifugiatisi qui durante la seconda guerra mondiale.
Sosua è facilmente raggiungibile: volando su Santo Domingo, si noleggia un auto e si arriva in circa mezza giornata, oppure si atterra all’aeroporto internazionale di Puerto Plata, a circa 7 km (informazioni www.caraibicasa.com).

Quanto vi serve per fuggire a Santo Domingo

Costo della vita: per vivere bene servono 700/900 euro al mese per due persone; per vivere nel lusso, 1.500 euro al mese.
Case in vendita: appartamento fronte mare, salone, 2 camere, da circa 25.000 euro; villa nuova con piscina, da circa 130.000 euro; villa lussuosa da circa 650.000 euro.
Case in affitto: appartamento fronte mare, salone, 2 camere, da circa 490 euro al mese; villa nuova con piscina, da circa 1.200 euro al mese.
Terreni in vendita: 65.000 MQ in zona residenziale vicino al mare, con varie possibilità di edificare, 31 euro circa al MQ.
Persone di servizio: il costo di una persona di servizio o giardiniere è di circa 50 euro al mese.
Costo di un pasto: una cena di pesce per due persone (con aragosta), circa 45 euro; pizza e bibite per due, circa 12 euro.

Trasferirsi a Santo Domingo - Informazioni utili

Ambasciata d'Italia a Santo Domingo - Calle Rodriguez Objio 4, Sector Gazcue, Santo Domingo - www.ambsantodomingo.esteri.it/ambasciata_santodomingo.
Lingua: spagnolo
Moneta: Peso dominicano (1 euro= 52 Dop)
Religione: cattolicesimo
Clima: tropicale, con due stagioni (secca da novembre ad aprile, delle piogge da maggio ad ottobre). Stagione degli uragani da giugno a novembre. Temperature: dai 25 ai 30 C.
Vaccinazioni: nessuna obbligatoria.
Documenti necessari: il passaporto con validità superiore a sei mesi dalla data di rientro. non è necessario il visto d'ingresso per permanenze fino a 90 giorni.

Trasferirsi a... - Mollo tutto

Per fuggire, o almeno sognare di farlo, scoprite come trasferirsi in Brasile, come trasferirsi in Thailandia, come trasferirsi nelle Filippine, oppure i 5 luoghi dove scappare via.
Scopri tutti i luoghi in cui scappare via e mollare tutto con lo speciale Come trasferirsi a...

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Come trasferirsi a...

Il programma Nemo, profeti del futuro ci porta in giro per il mondo per conoscere da vicino le storie di talenti italiani che hanno trovato lontano dalla loro terra d'origine un paese che li ha accolti, offrondo l0ro delle opportunità, un lavoro e la realizzazione personale e professionale che cercavano (con minor successo) in Italia. Una delle storie è quella di Alessandro Mazzucchelli, che ha lasciato l'Italia per la Romania, percorrendo in senso inverso il tragitto che porta ogni anno tantissimi cittadini rumeni a lasciare il loro paese per l'Italia. Volare è sempre stato il suo sogno e se l'Italia non gli ha permesso subito di poter esprimere le sue qualità, certamente la Romania è stata un inaspettato dolce trampolino di lancio. Alessandro non sapeva neanche dove fosse esattamente la città di Cluj Napoca ma non ci ha messo molto per ambientarsi. Con le sue eleganti case, ampie piazze e con quei fili dei pali dell'elettricità che la rendono un enorme pentagramma sospeso, Alessandro, oltre a svolgere l'ambita professione di pilota, ha imparato a conoscere il misterioso mondo della Transilvania, il regno di Dracula ma non solo. Sì, perché in Romania si è circondato di tanti amici e ha imparato a scoprire dettagli di una parte dell'Europa che nessun libro o telegiornale sa rivelare.. Nome: Alessandro Mazzucchelli Destinazione: Cluj-Napoca, Romania Professione: Pilota d'aerei Passione principale: Guardare i colori del cielo sfumare magicamente sopra le nuvole Sogno e profezia da realizzare: Non smettere di puntare in alto, a qualsiasi latitudine si decida di partire
CONDIVIDI

Come trasferirsi a...

Vivere all’estero? Trasferirsi in una metropoli dove la vita costi poco? Ecco la classifica delle 5 città meno costose al mondo. Che però necessitano di una scelta forte Trasferirsi all’estero potrebbe sembrare qualcosa di impossibile da affrontare dal punto di vista economico, eppure ci sono delle città in cui è effettivamente poco costoso vivere. Certo, si tratta di metropoli in cui magari è difficile immaginare una nuova vita… però… non si può mai sapere… Vivere all’estero – La classifica delle 5 città meno costose Ecco quindi le città meno costose al mondo per chi abbia la voglia, il coraggio, la necessità di mollare tutto e andare a vivere all’estero. I dati sono stati diffusi dal Worldwide Cost of Living Index nei mesi scorsi. Vivere all’estero – Mumbai, India Una delle città meno care al mondo dove vivere è anche la più popolosa dell’India: Mumbai. Questa metropoli è un melting pot di culture diverse. Commercio, cinema e moda sono i settori in pieno sviluppo. Mezzi pubblici e taxi costano un decimo rispetto a Londra e New York. La parte più moderna della città è quella a nord dove sono stati costruiti grattacieli con tanto di palestre e piscine. La zona più bella dove vivere è quella che si trova a sud dove domina lo stile vittoriano. Vivere all’estero – Katmandu, Nepal Certo poteste chiedervi: cosa ci faccio io qui? ma la bellezza di Katmandu, per chi ama questo tipo di Oriente, è innegabile. Inutile dire che affittare un appartamento è molto economico così come mangiare al ristorante (a meno che non si tratti di un ristorante occidentale). Nella parte più antica della città le costruzioni sono in legno e pietra, ma gli stranieri e i ricchi tendono a vivere nei quartieri nuovi che si trovano in periferia. Vivere all’estero – Panama City, Panama La città è stata protagonista pochi anni fa di un vero e proprio boom edilizio che ha visto la nascita di un gran numero di grattacieli sparsi qua e là tra gli edifici più vecchi. Comunque i costi degli affitti rimangono più che ragionevoli. Come ragionevoli sono i prezzi dei biglietti per i mezzi pubblici. Da considerare anche il fatto che con un paio d’ore si possono raggiungere le spiagge caraibiche o le montagne più fredde. Vivere all’estero – Bucarest, Romania C’era un tempo in cui la capitale della Romania veniva chiamata la “piccola Parigi” a causa dell’influenza francese nell’architettura urbana. Molti di quegli edifici sono andati in rovina con l’avvento del regime comunista dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma negli ultimi dieci anni Bucarest ha fatto un notevole sforzo per tornare a quella sua antica bellezza. In particolare nel centro storico che pullula di locali dove trascorre le serate fuori. Se cercate una città per vivere all’estero in modo economico e che non sia lontana dall’Italia, prendete in considerazione Bucarest. A nord della città c’è un quartiere particolarmente adatto per chi viene dall’estero: si tratta del quartiere chiamato Pipera, dove ci sono le scuole internazionali. Vivere all’estero – Gedda, Arabia Saudita A Gedda gran parte degli stranieri che sosta in città è di passaggio per la Mecca. È una città di sicuro difficile da vivere: le leggi religiose dell’Arabia Saudita sono molto pesanti se confrontate con la nostra cultura. Trasferirsi qui è una scelta forte. Ma questa è una delle città meno care al mondo. E con Marcopolo puoi viaggiare in ogni parte del mondo: controlla qui le offerte
CONDIVIDI

Europa

Mykonos, una bellissima isola nell'arcipelago greco delle Cicladi a colpo di fulmine. Isola del mito classico e dei mulini a vento, con la "piccola Venezia" e le tante spiagge frequentate ogni anno da tantissimi italiani, in cerca di relax e di un pizzico di trasgressione. Quanti di noi, in quel momento magico chiamato "vacanza" si sono chiesti come sarebbe vivere la destinazione scelta per il proprio viaggio non soltanto per una breve parentesi, ma per tutta la vita? Innamorarsi in vacanza è più facile: liberare la mente dai pensieri e allontanare lo stress della routine quotidiana ci rende più sensibili alla bellezza dei luoghi e delle persone. Il più delle volte però il tutto si risolve nel più classico dei flirt estivi e il ritorno alla nostra vita di tutti i giorni spegne inesorabilmente la passione. Ogni tanto però, il sogno si realizza davvero e la vacanza si trasforma nel punto di partenza della nostra nuova vita. L'amore però da solo non basta: ci vuole coraggio, caparbietà e tanta pazienza. A Mykonos abbiamo incontrato Elena Bonera, una giovane operatrice turistica italiana che da qualche tempo ha scelto di trascorrere sull'isola gran parte dell'anno, facendone la sua seconda patria. Tra Elena e Mykonos è stato amore a prima vista e, un po' per volta, l'isola e i suoi abitanti l'ha adottata, accogliendola come una di loro. Oggi non c'è mykoniano che non conosca "la bionda ragazza italiana che accoglie i turisti" e che, tra un turno di lavoro e l'altro, non resiste alla tentazione di un bel bagno refrigerante, di una chiacchierata con i negozianti della zona del porto o di un caffè con un turista appena arrivato sull'isola greca. Le difficoltà certamente ci sono state, specialmente all'inizio. La lingua, ad esempio. Ma Elena ci spiega come il greco sia soltanto apparentemente una lingua ostile e di come anche la gente del posto la abbia aiutata a sentirsi veramente come a casa sua. Nella videointervista vi presentiamo Elena come l'esempio di come, nella vita, si possa riuscire a inseguire la propria passione costruendo intorno ad essa la propria vita, mollando tutto per cominciare un viaggio che è molto di più che una semplice vacanza. Trasferirsi a Mykonos
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv