Costiera Amalfitana – Guida
Cinque Terre – Guida
Canyon della Val di Non - Trekking

I Canyon della Val di Non sono dei capolavori naturali creati dallo scorrere millenario dell'acqua. Con Sentieri d'Italia andiamo alla scoperta di questa valle che si trova ai piedi delle Dolomiti del Brenta, in Trentino.
La Val di Non è attraversata dal torrente Noce ed è chiamata anche "la valle dei canyon", splendidi sentieri rimasti per molto tempo nascosti fra la ricca vegetazione e pertanto inaccessibili.
Oggi è possibile ammirarli nella loro selvaggia bellezza, grazie a suggestivi percorsi costruiti nella roccia.
Con Sentieri d'Italia scopriremo tre canyon, poco lontani tra loro, con peculiarità geologiche e naturalistiche diverse, che nel loro insieme possono costituire un unico itinerario attraverso questo affascinante spettacolo naturale costruito dall'acqua della Val di Non.

Canyon di San Romedio

Il sentiero del canyon di San Romedio parte da San Zeno, di fronte al Museo Retico e si inoltra tra gallerie di scavate nella pietra e una fitta vegetazione fino a raggiungere l'omonimo e suggestivo santuario arroccato su uno sperone roccioso proteso verso il cielo e a strapiombo sulla valle.
Lunghezza: 2000 metri - Dislivello: +70 metri - Tempo di percorrenza: 1.30 ore

Canyon del Rio Novella

Il canyon del Rio Novella inizia invece da Dambel e si sviluppa attraverso un percorso di circa tre chilometri e mezzo, sospeso a mezz'aria sulla forra, fino all'eremo di San Biagio: passaggi e cunicoli larghi poche decine di centimetri conducono alla scoperta dei capolavori creati da infiniti miliardi di gocce d'acqua.
Lunghezza: 3500 metri - Dislivello: +/- 150 metri a seconda della direzione di marcia - Tempo di percorrenza: 2.00 ore - Note: si percorre solo accompagnati dalle guide

Canyon del Rio Sass

Dall'eremo di San Biagio, in mezz'ora di cammino, si arriva al lago Smeraldo, da dove parte il terzo sentiero attraverso lo spettacolare canyon del Rio Sass. Dal lago, un breve sentiero costeggia il fiume Novella e raggiunge il paese di Fondo, capoluogo dell'alta val di Non: dal centro del paese un percorso attrezzato scavato nel cuore della roccia e circondato da una natura selvaggia, permette di inoltrarsi in un mondo ipogeo di straordinaria bellezza: l'orrido sprofonda per oltre cinquanta metri nel cuore storico del paese, dove le case sono state costruite a picco sul bordo della forra.
Lunghezza: 3000 metri - Dislivello: +/- 150 metri a seconda della direzione di marcia - Tempo di percorrenza: 2.00 ore - Note: si percorre solo accompagnati dalle guide

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Italia

Dove sciare in queste ultime settimane invernali? Dove trascorrere la settimana bianca per sciare con le giornate che si allungano e il sole che scalda le piste? Ecco le novità e le tendenze di questo inverno 2014 Dove sciare e soprattutto dove alloggiare Dove sciare in questa fine inverno? Sono tante le novità e le tendenze di questa stagione invernale e abbiamo raccolto il meglio per una carrellata di quello che non dovete farvi sfuggire in alta quota. A cominciare dalle aperture di nuovi alberghi. Ne citiamo due, di tipologie diverse: nell’Oberland Bernese, ha appena inaugurato il tre stelle Hotel Spitzhorn di Saanen, valida alternativa per famiglie che non possono permettersi di soggiornare nei blasonati hotel di Gstaad. Debutto stellare per il primo W Starwood delle Alpi, per una vacanza a Verbier di grande design. Dove sciare con i bambini Dove sciare con i bambini? Per chi ha bambini, molti i servizi e le offerte, a cominciare dal Trentino Alto Adige, la regione più generosa: grazie a una nuova formula di abbonamento, “Ski Family in Trentino” i bambini sciano gratis, se accompagnati dai genitori, in sei comprensori. Dove sciare in notturna La moda del momento per gli adulti, invece, sono le sciate in notturna, al chiar di luna. In Engadina l’orario è prolungato sulla pista illuminata più lunga della Svizzera.  Sul Piz Corvatsch c’è Snow Night: ogni venerdì sera gli impianti di risalita aprono alle 19 e restano aperti fino a mezzanotte (www.corvatsch.ch). Il comprensorio di Muottas Muragl offre ciaspolate nelle serate di luna piena con partenza dal Romantik Hotel Muottas Muragl. La nostrana Valmalenco porta in scena la Ciaspoluna: fino al 12-13 aprile, si può passeggiare tra i sentieri innevati, in compagnia di guide alpine, e usufruire di sconti in hotel. Dove sciare e… mangiare in pista Altra tendenza è mangiare “in pista”: baite e rifugi offrono pasti e drink. Come al Rifugio Emilio Comici, dove si mangia pesce fresco, o il Rifugio Troier, dove si beve la “Nonna bollente”, una bevanda che è la specialità della casa.   A Sölden, la vera novità è l’ICE-Q, un ristorante sulla cima dell’area sciistica del Gaislachkogl dove si degusta l’Alpine Cuisine.
CONDIVIDI

Italia

Ristoranti tipici, locande con il camino acceso, agriturismi: in inverno non c'è niente di più piacevole che mangiare in un ambiente "caldo" Il calore del fuoco del camino, che scoppietta e illumina l’ambiente, quando fuori piove o nevica. Un piatto caldo, magari di succulenta carne arrosto, o di genuina polenta con un sugo robusto, o una profumata e fumante zuppa di farro, appena tolta dal paiolo di rame. Poesie d’atmosfera e di gusto che ci regala l’inverno, stagione dai sapori decisi in grado di riscaldare il corpo e l’anima dal gelo che imperversa appena fuori dall’uscio. Dal Nord Italia alla Sardegna siamo andati a scoprire i sapori e i profumi di questo periodo in ristorantini tipici, agriturismi, masi e locande con caldi camini. Locali autentici, che spesso offrono la possibilità di fermarsi a riposare, sparsi in piccole città e borghi, nei rifugi innevati delle Alpi o tra le Langhe piemontesi, passando per le colline toscane e umbre. Ristoranti tipici in Valle d’Aosta Per esempio, c’è La Clusaz, caratteristico ristorante-locanda di Gignod (Ao), una struttura conosciuta come luogo di ristoro già nel XII secolo, lungo la strada che conduce al Gran San Bernardo. Gli ambienti del ristorante e l’atmosfera con luci soffuse trasmettono calore, offrendo riparo e ristoro davanti al caminetto, mentre vi apprestate a cenare. La novità di stagione è “La Maialata”, piatto per due persone: un piedino di maiale farcito con carni bianche, animelle e musetto di vitello, servito con cipolla al forno. Ristoranti tipici in Lombardia Spostandoci in piena Pianura Padana, l’Antica Osteria Lungoladda di Corte Palasio (Lo) propone la tradizionale polenta con un robusto sugo di carne cotta nei paioli di rame, insieme a numerose specialità del territorio. Ristoranti tipici in Toscana In Toscana, troviamo, tra gli altri, La Lombricaia a Montespertoli (Fi), dove nella sala ristorante ci sono girarrosto a vista e camino a muro: tra le gustose pietanze in menu, filetto di Cinta al Chianti e bistecca di Fiorentina.
CONDIVIDI

Nord

Madonna di Campiglio: la storia fin dalle origini Madonna di Campiglio nacque, secoli fa, ai piedi dell’Adamello, nel cuore delle Dolomiti del Brenta, in Trentino. Correva l’anno 1188, quando un monaco di nome Raimondo creò un rifugio. Si trattava di un piccolo convento in cui i frati si prendessero cura dei viandanti, minacciati dal freddo dagli orsi e dai lupi che erano allora i soli abitanti dell’attuale Madonna di Campiglio. Passa qualche secolo, e nel 1868, quel piccolo rifugio – prima abitazione di Madonna di Campiglio - si trasformò in vera e propria località turistica. Questo successe quando Giambattista Righi – che di mestiere faceva l’imprenditore - acquistò i terreni dell’attuale Madonna di Campiglio, per 40.000 fiorini. Quattro anni dopo trasformò il Monastero di Santa Maria di Campiglio nel primo albergo della zona e lo chiamò Stabilimento Alpino. Poi, ne seguirono tanti altri. Franz Joseph Osterreicher, figlio dell’Imperatore Francesco Giuseppe, continuò l’opera iniziata da Giambattista Righi. Acquistò nuove terre e fondò la società che gestiva le funivie. La famiglia reale degli Asburgo si innamorò – “perdutamente” - di Madonna di Campiglio, e la volle come corte reale viennese del trentino. Sciare a Madonna di Campiglio Situata a 1522 metri sul livello dl mare, Madonna di Campiglio rappresenta una delle migliori porte d’accesso alle Dolomiti di Brenta. Tra le montagne che si tingono di rosa, attorno a Madonna di Campiglio, i divertimenti sono assicurati, sia in estate che in inverno. Le piste sono tante e per tutti gli stili. Il panorama, l’efficienza delle strutture ricettive ed una neve garantita in qualunque stagione e condizione climatica, fanno di Madonna di Campiglio una delle mete sciistiche più ambite al mondo. I numeri di Madonna di Campiglio Del resto la ski area di Madonna di Campiglio vanta numeri non indifferenti: 57 impianti di risalita. 150 km di piste. Con una capacità di 31mila persone all’ora. E ancora: 50mila metri quadrati di snowpark, e 40 km per lo sci nordico. Madonna di Campiglio: non solo ski Ma non si va a Madonna di Campiglio solo per sciare. O non si dovrebbe. Basta fare qualche chilometro in più, spostarsi sulle montagne vicine, nelle malghe, ed ecco che c'è un'altra "magia". Quella del formaggio. E' infatti possibile assistere alla produzione artigianale del formaggio in molte delle malghe che si trovano vicino Madonna di Campiglio.    
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv