alice lifestyle leonardo marcopolo

Siete pronti per un viaggio avventuroso tra boschi, fiumi e natura selvaggia? Non occorre uscire dai confini nazionali per intraprendere un viaggio del genere, ma è sufficiente andare in Calabria, un regione notevole non solo per lo splendido mare che l’abbraccia ma anche per i suoi parchi naturali che delineano un paesaggio variegato.

Natura incontaminata e infinite possibilità di esperienze nuove sono i capisaldi dei Parchi Nazionali della Calabria. Weekend ci fa conoscere quattro Parchi Nazionali della Calabria: il Parco Nazionale del Pollino, Parco Nazionale dell’Aspromonte, Parco Nazionale della Sila e il Parco Regionale delle Serre. A mostrarci la bellezza dei quattro parchi calabresi è Roberto Ruberti, inviato speciale di Marcopolo.

Diamo uno sguardo più da vicino alle particolarità dei Parchi Nazionali della Calabria.

Parco Nazionale del Pollino

Istituito nel 1993, il Parco Nazionale del Pollino rappresenta la più grande area protetta di nuova istituzione in Italia. La particolarità di questo parco sono i Massicci del Pollino e dell’Orsomarso, una catena montuosa dell’Appennino meridionale che segna il confine tra la Basilicata e la Calabria. Qui si possono trovare vette tra le più alte del Mezzogiorno italiano (oltre i 2200 metri di altitudine sul livello del mare) che, per gran parte dell’anno, sono coperte di neve. Dalle cime più alte si scorge un panorama senza eguali: ad est il litorale ionico da Sibari a Metaponto e ad ovest le coste tirreniche di Maratea, di Praia a Mare, di Belvedere Marittimo.

Parco Nazionale dell’Aspromonte

Il Parco Nazionale dell’Aspromonte prende il suo nome dal Massiccio dell’Aspromonte, un massiccio montuoso che fa parte del complesso denominato Alpi meridionali o Alpi calabresi. Il Parco è centro di grande interesse per flora e fauna, caratterizzate da una spiccata eterogeneità che conquista i suoi visitatori. Foreste di faggio, pinete spettacolari, castagni e una fauna variegata di mammiferi che va da bellissimi uccelli rapaci a mammiferi come lupi, volpi, faine e molti altri.

Parco Nazionale della Sila

Dopo il Parco del Pollino e il Parco dell’Aspromonte, il Parco Nazionale della Sila è il terzo, in ordine cronologico, ad essere stato fondato in Calabria. Questo magnifico parco custodisce uno dei più significativi sistemi di biodiversità. Senza contare una spiccata varietà di paesaggi che vanno dal tipo montano a quello collinare fino a quello pianeggiante.

Parco Regionale delle Serre

Il Parco Regionale delle Serre è caratterizzato, per quanto riguarda l’aspetto geomorfologico, da forme naturali che danno vita a paesaggi fortemente riconoscibili. Pendici e rilievi coperti da vasti boschi, come la macchia mediterranea (presenti a quote basse), i castagneti (che rappresentano le zone più alte del parco) e, infine, le faggete e le abetine, che caratterizzano i maggiori rilievi del parco.

Ma scopriamo più da vicino i Parchi Naturali della Calabria con Roberto Ruberti…