alice lifestyle leonardo marcopolo

Quando andare in Brasile? La risposta è facile: sempre!

Infatti quasi tutto il Brasile può essere visitato durante tutto l’arco dell’anno. Solamente le regioni meridionali del paese risultano terribilmente calde e umide in estate ed estremamente piovose in inverno. Nel periodo compreso fra dicembre e febbraio molti brasiliani vanno in vacanza e viaggiare può diventare difficile e costoso, mentre a Rio e nelle regioni più a sud l’umidità può essere opprimente.

L’estate è tuttavia il periodo più vivace e festoso dell’anno e vede i brasiliani in fuga dalle proprie case per riversarsi nelle strade e sulle spiagge. Le vacanze scolastiche iniziano a metà dicembre e durano fino a Carnevale, che in genere ha luogo a fine febbraio.

Brasile – CLIMA E CIBO

Nonostante il 90% del territorio brasiliano sia compreso nella zona tropicale, più del 60% della popolazione vive in aree dove l’ altitudine, il vento del mare ed il freddo fronte polare rendono il clima più temperato.

Ci sono cinque regioni climatiche in Brasile: l’ equatoriale, la tropicale, la semiarida, la tropicale delle Terre Alte e la subtropicale.

Le città situate nelle pianure, come San Paolo, Brasilia e Belo Horizonte, godono di un clima mite, con temperature intorno ai 19 gradi, mentre quelle sulla costa, come Rio de Janeiro, Recife e Salvador hanno un clima caldo, mitigato costantemente dai venti marini.

Nelle città di Porto Alegre e Curitiba, nel sud del Paese, il clima subtropicale è molto simile a quello di alcune regioni degli Stati Uniti e dell’ Europa, con frequenti gelate e con temperature che d’inverno possono scendere sotto zero.

Brasile – COSA MANGIARE

Ogni regione del Brasile ci offre un vero festival di sapori, aromi, colori e piaceri culinari.
Lungo tutto il litorale molti sono i modi di preparare i frutti di mare, con innumerevoli ricette di pesci, gamberetti, aragoste, ostriche e arselle.
Nella Regione Sud, grazie alla cultura degli allevatori di bestiame, si possono assaggiare gli stupendi”churrascosarrosti nella brace, con grandi e succulenti porzioni di carne.
Nella regione Nord, gli squisiti pesci d’acqua dolce, spesso preparati secondo la tradizione degli indios.
A Bahia, i piatti d’ origine africana spuntano dalle mani abili delle simpatiche baiane. Pure indimenticabile è la “feijoada“, una saporita combinazione di carne di maiale, accompagnata dal più famoso drink brasiliano: la “caipirinha“.
In tutto il territorio nazionale, stupisce la quantità e diversità di frutta fresca, alcune addirittura esistenti soltanto in Brasile. E un vero universo di sapori nazionali e internazionali si trova nella maggior metropoli dell’ America Latina, Sao Paulo, uno dei più importanti centri gastronomici del mondo.