Valencia, energia e creativita'
Barcellona – Guida
Barcellona in due giorni: un itinerario nella città di Gaudì

Cosa vedere e fare a Barcellona in due giorni: un itinerario per visitare Barcellona in soli due giorni dal Barrio Gotico a Parc Guell fino alla Sagrada Familia

Ci sono così tante cose da vedere a Barcellona, che scriverle tutte è piuttosto difficile, noi preferiamo proporvi un itinerario. Potremmo iniziare con la città medievale, il Barrio Gotico o ancora con la Sagrada Famiglia, ma saremmo ancora lontani dall'aver visto anche solo il 20% di tutte le bellezze di questa città.

Barcellona è non solo un luogo da visitare ma da vivere, come lo vivono gli abitanti di questa splendida città. Proviamo a tracciare qualche itinerario per meglio scoprire le bellezze di Barcellona.

Gli itinerari a Barcellona

Primo giorno. La giornata può iniziare a Placa Catalunya, una grande piazza circolare, ricca di vita specialmente nel pomeriggio, dove si trovano molti negozi e caffè.

Proseguendo incontriamo le famose Ramblas (qui trovate gli hotel), una lunga via, perlopiù pedonale, dove si può ammirare la vera natura di Barcellona: caotica, eccentrica e sorprendente.

Si arriva poi al Barrio Gotico, uno dei quartieri medievali più densamente popolati in Europa. Le piccole viuzze formano un vero e proprio labirinto, da cui si arriva alla Cattedrale: un luogo assolutamente da non perdere!

Per rilassarsi dalla fatica, consigliamo una sosta al Ristorante Bilbao-Berria, dove potrete assaporare delle ottime tapas (qui trovate i migliori bar di tapas a Barcellona) (Placa Nova, 1)Non si può terminare la giornata senza aver visitato la Sagrada Familia, l'opera incompiuta di Gaudì che è anche uno dei simboli della città.

Barcellona. Secondo giorno

Secondo giorno. Dopo aver visitato la Sagrada Familia, consigliamo una passeggiata al quartiere di Eixample, dove si trova Placa Catalunya e la Sagrada Familia e dove si possono ammirare molto opere di Gaudì e di altri famosi architetti spagnoli.

Altra opera da non perdere di Gaudì è il Parco Guell, patrimonio dell'umanità Unesco. Questo parco pubblico è una delle attrazioni più visitate di Barcellona, un "universo parallelo" da non perdere.Vicino al parco si possono gustare i piatti tipici spagnoli di Abac (Avinguda Tibidabo, 1).

Barcellona è anche la città di Picasso, ed è qui infatti che si trova il Museo Picasso, il più conosciuto tra i turisti. Preparatevi a lunghe file, specialmente nel fine settimana, ma ne vale la pena, ne uscirete a bocca aperta (Montcada 15/19, Ciutat Vella).

Non può mancare, se si visita Barcellona, una passeggiata a La Barceloneta, il quartiere marinaio della città, che si trova proprio di fronte al Mediterraneo. La Barceloneta è un posto di grande fascino, ricco di negozi e ristoranti, per turisti e non solo. Nel fine settimana si riempie di catalani in cerca di relax.

Per chi volesse provare un assaggio di cucina di mare spagnola a La Barceloneta, deve provare Can Costa (Passeig de Joan de Borbón, 70).

Hotel consigliati

Suites Aragó 565 (Barcellona, Eixample), Azul BCN (Barcellona - Montjuic), Ayre Rosellón, Apsis Porta Marina (Barcellona - Eixample)

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Spagna

L’Alhambra è una favolosa fortezza che si trova a Granada in Spagna. Un edificio di quelli che se visitati rimangono impressi tutta la vita. Un palazzo splendido. Nella splendida regione dell’Andalusia L’Alhambra venne costruito tra il 1248 e il 1354. Il nome Alhambra in arabo significa “rosso”: rosse sono infatti le pareti esterne di questa fortezza spagnola. Ma non è tanto l’esterno a brillare di originalità e bellezza, quanto gli interni dell’Alhambra. Le tante sale del complesso dell’Alhambra rappresentano il punto di massima espressione raggiunto dall’arte andalusa. Geometrie, colonne di  marmo bianco, stucchi: gli interni dell’Alhambra sono una vera magia. Alhambra – Dove si trova L’Alhambra si trova nella zona sud-orientale della città di Granada, nel sud della Spagna. In quella regione di estrema eleganza che è l'Andalusia.  La fortezza si estende su una sorta di terrazza collinare e copre una superficie di 35 ettari. Racchiusa da mura fortificate e intervallate da 13 torri, a fianco dell’Alhambra scorre il fiume Darro. Alhambra – Il nome Che il nome di questa fortezza derivi dal colore delle sue pareti non è tuttavia cosa certissima. Secondo alcuni l’Alhambra è piuttosto da associare al nome del fondatore Maometto Ibn Al Ahmar. Alhambra – La storia Il palazzo dell’Alhambra fu costruito tra il 1248 e il 1354 durante i regni di Al Ahmar prima e dei suoi successori dopo. Le splendide decorazioni degli interni sono attribuite a Ysef I., che morì nel 1354. Ma l’Alhambra subì seri danni con la cacciata dei mori nel 1492: l’opera fu vittima di una serie di atti di pesante vandalismo. Vi rimise mano Carlo V nel Millecinquecento: fece distruggere una parte originale dell’Alhambra per sostituirla con una nuova struttura del resto mai completata. Più tardi – era il Millesettecento – ci riprovò Filippo V a riprendere in mano i lavori. E nel Milleottocento ci si mise anche un terremoto a causare ulteriori danni all’Alhambra. L’Alhambra è comunque un posto di naturale ed estrema bellezza. Il profilo della città di Granada, le vette della Sierra Nevada: “una perla incastonata tra gli smeraldi” l’hanno definita. Per il colore brillante dei suoi edifici attorniati dal verde vivo dei boschi che la circondano. Il parco dell’Alhambra Il parco dell’Alhambra (Alameda de la Alhambra) in primavera si riempie di rose. Ma la sua caratteristica principale sono gli olmi inglesi “importati” nel 1812 dal duca di Wellington. Il canto degli usignoli e il dolce suono dell’acqua delle fontane sono quasi gli unici rumori che riecheggiano in questo grande giardino. L’Alhambra e l’Unesco Il complesso dell’Alhambra è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità nel 1984. Ed è considerata una delle sette meraviglie del mondo intere. Per info: www.alhambra-patronato.es
CONDIVIDI

Spagna

Una montagna dalla forma singolare e un monastero imponente: Montserrat. A pochi chilometri da Barcellona questo luogo è uno di quelli che merita una visita La montagna di Montserrat è una delle cose più belle da vedere nei dintorni di Barcellona. Una escursione che può servire per staccare e fuggire per una giornata da Barcellona e conoscere il paesaggio della Catalogna. È possibile seguire i sentieri che serpeggiano lungo la montagna con vedute spettacolari sulla valle. O salire sulla ferrovia a cremagliera per "solcare" lentamente la cima. Il monastero di Montserrat Sul monte di Montserrat (anzi su un alto della montagna) si erge maestoso un monastero benedettino che risale all’Undicesimo secolo dove si trova la Vergine di Montserrat, patrona della Catalogna. Il monastero di Montserrat venne distrutto dalle truppe di Napoleone nel 1811 dopo essere stato saccheggiato (con tanto di fiamme che avvolgevano la sua biblioteca). Il monastero di Montserrat: La Moreneta Molti pellegrini si arrampicano fin quassù al monastero di Montserrat per vedere La Moreneta: una scultura in legno del Dodicesimo secolo che rappresenta Maria con Gesù. La Moreneta è chiamata anche la Vergine Nera. Secoli di fumo di candela hanno annerito la statua così da donarle un colore scuro e un nuovo appellativo. Il monastero di Montserrat: il museo Nel monastero di Montserrat c’è anche un museo con una collezione di arte sacra. Come arrivare a Montserrat da Barcellona Per raggiungere Montserrat e il suo monastero bisogna prendere un treno dalla stazione di Plaça de Espanya. Poi si hanno due alternative per salire fin sul monte e arrivare a destinazione: per la ferrovia a cremagliera si deve scendere a Monistrol de Montserrat. Per la funivia, scendere invece a Montserrat Aeri. Montserrat – dove acquistare i biglietti Per i biglietti: potete acquistare un biglietto che include sia al ferrovia a cremagliera che la funivia. Oppure potete optare per un biglietto – chiamato Tot Montserrat -  che comprende tutti i trasporti, il pranzo e il museo. Trovate i biglietti presso una qualsiasi stazione della metropolitana di Barcellona. Su Marcopolo le migliori offerte di viaggio per prenotare il vostro viaggio a Barcellona e dintorni
CONDIVIDI

Spagna

La città più antica dell’Occidente: è la prima cosa che s’impara di Cadice (o Cadiz). Più antica perché furono i Fenici a fondarla all’incirca tremila anni fa (anche se la leggenda è di diverso avviso: fondatore sarebbe stato niente meno che Ercole). Da Cadice passarono e si stabilirono di volta in volta Cartaginesi, Romani e Arabi. Poi, nel tredicesimo secolo, i Cristiani. E d’ogni passaggio Cadice reca traccia: piazze e stradine, palazzine ed edifici signorili, ma anche il teatro romano, i resti della muraglia medievale, le torri di vedette, l’oratorio di San Filippo Neri, dove nel 1812 fu redatta la prima Costituzione spagnola. Questa è al primo colpo d’occhio la cittadina di Cadice, in Andalusia, Spagna. Non si può raccontare di Cadice senza parlare anche della sua gente - i gradinato: simpatia e senso dell’umorismo ne fanno uno dei popoli più accoglienti della Spagna. A 149 chilometri di distanza da Siviglia, Cadice si affaccia sulla costa meridionale della penisola iberica. Dall’altra parte dell’oceano c’è l’Africa. Una posizione così privilegiata – a cavallo tra due continenti – non poteva che far gola ai pirati. Ci fu un tempo in cui attacchi e incursioni a Cadice erano all’ordine del giorno. Cadice visse il suo momento storicamente più importante, insomma il suo momento di gloria, all’epoca della conquista dell’America (1492), diventando il punto di appoggio per commerci e traffici con l’oltreoceano. Ma la città conobbe anche altri momenti, se non di gloria, di sicura fama. Il 21 ottobre 1805 vi si svolse una battaglia cruciale che segnò la fine dell’impero navale iberico: navi franco-spagnole contro navi inglesi. Comandate dal generale Villeneuve le prime, e dall’ammiraglio Nelson le seconde. Ma fu Nelson ad avere la meglio.
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv