Valencia, energia e creativita'
Barcellona – Guida
Barcellona in due giorni: un itinerario nella città di Gaudì

Cosa vedere e fare a Barcellona in due giorni: un itinerario per visitare Barcellona in soli due giorni dal Barrio Gotico a Parc Guell fino alla Sagrada Familia

Ci sono così tante cose da vedere a Barcellona, che scriverle tutte è piuttosto difficile, noi preferiamo proporvi un itinerario. Potremmo iniziare con la città medievale, il Barrio Gotico o ancora con la Sagrada Famiglia, ma saremmo ancora lontani dall'aver visto anche solo il 20% di tutte le bellezze di questa città.

Barcellona è non solo un luogo da visitare ma da vivere, come lo vivono gli abitanti di questa splendida città. Proviamo a tracciare qualche itinerario per meglio scoprire le bellezze di Barcellona.

Gli itinerari a Barcellona

Primo giorno. La giornata può iniziare a Placa Catalunya, una grande piazza circolare, ricca di vita specialmente nel pomeriggio, dove si trovano molti negozi e caffè.

Proseguendo incontriamo le famose Ramblas (qui trovate gli hotel), una lunga via, perlopiù pedonale, dove si può ammirare la vera natura di Barcellona: caotica, eccentrica e sorprendente.

Si arriva poi al Barrio Gotico, uno dei quartieri medievali più densamente popolati in Europa. Le piccole viuzze formano un vero e proprio labirinto, da cui si arriva alla Cattedrale: un luogo assolutamente da non perdere!

Per rilassarsi dalla fatica, consigliamo una sosta al Ristorante Bilbao-Berria, dove potrete assaporare delle ottime tapas (qui trovate i migliori bar di tapas a Barcellona) (Placa Nova, 1)Non si può terminare la giornata senza aver visitato la Sagrada Familia, l'opera incompiuta di Gaudì che è anche uno dei simboli della città.

Barcellona. Secondo giorno

Secondo giorno. Dopo aver visitato la Sagrada Familia, consigliamo una passeggiata al quartiere di Eixample, dove si trova Placa Catalunya e la Sagrada Familia e dove si possono ammirare molto opere di Gaudì e di altri famosi architetti spagnoli.

Altra opera da non perdere di Gaudì è il Parco Guell, patrimonio dell'umanità Unesco. Questo parco pubblico è una delle attrazioni più visitate di Barcellona, un "universo parallelo" da non perdere.Vicino al parco si possono gustare i piatti tipici spagnoli di Abac (Avinguda Tibidabo, 1).

Barcellona è anche la città di Picasso, ed è qui infatti che si trova il Museo Picasso, il più conosciuto tra i turisti. Preparatevi a lunghe file, specialmente nel fine settimana, ma ne vale la pena, ne uscirete a bocca aperta (Montcada 15/19, Ciutat Vella).

Non può mancare, se si visita Barcellona, una passeggiata a La Barceloneta, il quartiere marinaio della città, che si trova proprio di fronte al Mediterraneo. La Barceloneta è un posto di grande fascino, ricco di negozi e ristoranti, per turisti e non solo. Nel fine settimana si riempie di catalani in cerca di relax.

Per chi volesse provare un assaggio di cucina di mare spagnola a La Barceloneta, deve provare Can Costa (Passeig de Joan de Borbón, 70).

Hotel consigliati

Suites Aragó 565 (Barcellona, Eixample), Azul BCN (Barcellona - Montjuic), Ayre Rosellón, Apsis Porta Marina (Barcellona - Eixample)

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Spagna

La città più antica dell’Occidente: è la prima cosa che s’impara di Cadice (o Cadiz). Più antica perché furono i Fenici a fondarla all’incirca tremila anni fa (anche se la leggenda è di diverso avviso: fondatore sarebbe stato niente meno che Ercole). Da Cadice passarono e si stabilirono di volta in volta Cartaginesi, Romani e Arabi. Poi, nel tredicesimo secolo, i Cristiani. E d’ogni passaggio Cadice reca traccia: piazze e stradine, palazzine ed edifici signorili, ma anche il teatro romano, i resti della muraglia medievale, le torri di vedette, l’oratorio di San Filippo Neri, dove nel 1812 fu redatta la prima Costituzione spagnola. Questa è al primo colpo d’occhio la cittadina di Cadice, in Andalusia, Spagna. Non si può raccontare di Cadice senza parlare anche della sua gente - i gradinato: simpatia e senso dell’umorismo ne fanno uno dei popoli più accoglienti della Spagna. A 149 chilometri di distanza da Siviglia, Cadice si affaccia sulla costa meridionale della penisola iberica. Dall’altra parte dell’oceano c’è l’Africa. Una posizione così privilegiata – a cavallo tra due continenti – non poteva che far gola ai pirati. Ci fu un tempo in cui attacchi e incursioni a Cadice erano all’ordine del giorno. Cadice visse il suo momento storicamente più importante, insomma il suo momento di gloria, all’epoca della conquista dell’America (1492), diventando il punto di appoggio per commerci e traffici con l’oltreoceano. Ma la città conobbe anche altri momenti, se non di gloria, di sicura fama. Il 21 ottobre 1805 vi si svolse una battaglia cruciale che segnò la fine dell’impero navale iberico: navi franco-spagnole contro navi inglesi. Comandate dal generale Villeneuve le prime, e dall’ammiraglio Nelson le seconde. Ma fu Nelson ad avere la meglio.
CONDIVIDI

Spagna

Picasso e Mirò. L'arte catalana e l'arte contemporanea. Barcellona offre una vasta scelta di musei. Noi ve ne consigliamo sette I musei a Barcellona sono da visitare. Non si può andare nella città di Gaudì senza mettere piede all’interno di un museo. Certo, Barcellona offre tanto altro. E chi decide di comprare un biglietto e salire su un aereo alla volta di Barcellona spesso lo fa per i suoi divertimenti, per le spiagge, per le ramblas… Ma, ecco, se accanto alla Barcellona della movida volete conoscere anche il lato culturale di questa splendida città spagnola, vi suggeriamo una guida ai musei da non perdere. I musei di Barcellona – Fondazione Joan Mirò L’edificio che ospita la fondazione è stato progettato da Josep Lluis Sert (che è stato preside della scuola di design dell’Università di Harvard). Lussuoso e arioso. Grandi pareti bianche. Grandi archi. All’interno, questo museo ospita una collezione di più di 225 dipinti, 150 sculture e più di 5mila disegni “prodotti” dalla mano di Mirò. Dove si trova Parc de Montjuïc, s/n Sants-Montjuïc Barcelona 08038 www.fundaciomiro-bcn.org I musei di Barcellona – Museo Picasso Inaugurato nel 1963, il museo Picasso di Barcellona non offre una panoramica completa del lavoro dell’artista. E’ piuttosto il  “racconto” degli anni formativi che il giovane Picasso trascorse a Barcellona (figlio di un insegnante della Scuola d’Arte). Il museo di Picasso di Barcellona esiste grazie al suo amico e segretario Jaume Sabartés, che ha donato la propria collezione al museo. Nel museo ci sono gli abili ritratti pre-adolescenti di Picasso, le innovazioni del suo periodo blu, ma anche una galleria di dipinti cubisti realizzati dal 1917. Il pezzo forte è l’intero ciclo di Las Meninas (58 tele).   Dove si trova Montcada, 15-23 Ciutat Vella Barcelona 08003 www.museupicasso.bcn.cat I musei di Barcellona – MACBA - Museo d’Arte Contemporanea Il design del museo di Arte Contemporanea di Barcellona ricorda l’interno di un frigorifero (l’architetto che lo ha disegnato è Richard Meier). Se decidete di visitare questo museo accettate fin da subito l’idea che gran parte della collezione permanente è inaccessibile per chi non sia un esperto di arte contemporanea. Detto questo, però, non arrendetevi. Una visita al MACBA può essere comunque gratificante. Ed è senz’altro una cosa curiosa da fare a Barcellona. C’è una collezione permanente e ci sono anche mostre temporanee. Ma vi vengono presentati anche concerti (con prezzi abbordabili), spettacoli e proiezioni cinematografiche. Insomma, è uno di quei musei di Barcellona che potrebbe riservarvi qualche – piacevole – sorpresa. Dove si trova Plaça dels Àngels, 1 El Raval Barcelona 08001 www.macba.cat I musei di Barcellona – Fondazione Antoni Tàpies Antoni Tàpies è esploso sulla scena dell’arte nel 1950, quando ha iniziato a incorporare sulle tele carta, fango e stracci. Fino poi a inserire nei suoi dipinti anche mobili e travi… Oggi Antoni Tàpies è l’artista vivente più celebre di Barcellona, e le sue opere sono ricercate in tutto il mondo. Una visita a questo museo serve forse per capire la Barcellona più moderna. Dove si trova Aragó, 255 Eixample Barcelona 08007 www.fundaciotapies.org I musei di Barcellona – Fondazione Francisco Godia Storia curiosa quella di questo museo di Barcellona. Godia è stato pilota di Formula 1 per la Maserati negli anni Cinquanta. Appassionato d’arte, ha investito i soldi guadagnati in una notevole collezione di arte sacra medievale, ceramiche spagnole e scultura e pittura moderne. Tra le “perle” di questo museo di Barcellona ci sono le opere del pittore barocco Luca Giordano e c’è il modernismo catalano. Dove si trova Diputació, 250 Eixample Dret Barcelona 08007 www.fundacionfgodia.org I musei di Barcellona – MNAC – Museo Nazionale d’Arte Catalana Lo slogan di questo museo recita: “Un museo, un migliaio di anni d’arte”. E’ forse il museo cui la città di Barcellona tiene di più. Ed è fuori da ogni dubbio il museo da cui partire per capire la storia e la cultura dei catalani. Bellissima la collezione del periodo romanico: molte opere provengono dalle chiese sperdute sui Pirenei. Per lo più si tratta di mosaici rimossi dalle pareti delle chiese e che servivano per “insegnar la fede” agli abitanti dei villaggi. Eccellente anche la collezione gotica. Da non perdere nemmeno il periodo Modernista che comprende meravigliosi murales. Insomma, in questo museo c’è l’anima di Barcellona. Dove si trova Parc de Montjuïc Sants-Montjuïc Barcelona 08038 www.mnac.cat I musei di Barcellona – Fondazione Suñol E’ un museo di recente apertura. E’ stato infatti inaugurato nel 2007. Si tratta della collezione d’arte di un uomo d’affari, tale Josep Suñol. L’archivio è enorme: 1.200 pezzi accumulati in 35 anni di amore spassionato per l’arte. Naturalmente, non le trovate mai esposte tutte assieme all’interno del museo. Ogni sei mesi l’esposizione cambia. La collezione comprende artisti del calibro di Picasso, Miró e Pablo Gargallo, ma anche Giacometti, Man Ray e Warhol. E’ uno di quei posti di Barcellona dove è utile ritornare. Per scoprire ogni volta un museo diverso. Dove si trova Passeig de Gràcia, 98 Eixample Dret Barcelona 08008 www.fundaciosunol.org Leggi anche: Hotel economici a Barcellona I voli low cost dall'Italia per Barcellona Dove mangiare le migliori tapas di Barcellona Guida dei ristoranti di Barcellona Gli hotel di Barcellona lungo le ramblas Visitare Barcellona in due giorni
CONDIVIDI

Spagna

Visitando Formentera ci si accorge subito del suo lato glamour. Un'isola minimal chic, dove il superfluo è di troppo: mare da sogno, aperitivi trendy sulla spiaggia e atmosfere hippy. E il vicino di ombrellone? Magari proprio l'attaccante della squadra per cui fate il tifo... In valigia bastano due cose fondamentali: costume e pareo. E siete pronti per partire per Formentera, l'isola più piccola e più selvaggia delle Baleari, dove le parole d'ordine sono: semplicità e natura. Un po' come negli anni 70, quando divenne paradiso degli hippy: solo mare cristallino, niente lussi e orpelli e nudismo in libertà. Anche se oggi in estate è molto affollata (sempre più alla moda e meta vip preferita), quell'atmosfera anticonformista di una volta è rimasta, e infradito e pareo sull'isola rimangono un must per essere veramente trendy. Mare, mare, mare... Ci si arriva solamente con il traghetto da Ibiza e il mezzo ideale per girarla è il motorino, ma anche la bicicletta. Scoprirete lunghe spiagge bianche e dorate e mare cristallino (che nulla ha che invidiare alle spiagge caraibiche...) e una natura selvaggia che ci riporta un po' ad atmosfere e profumi quasi dimenticati, tra fichi, greggi di pecore, muretti a secco e vigneti. Per chi ama il mare, qui è davvero un paradiso. Tra le spiagge più famose e frequentate c'è quella di Ses Illetas che si allunga fino all'isoletta di Espalmador, dove tutto è incontaminato e ci si può immergere nella laguna sulfurea. Molto amata dai nudisti è Playa Levant, mentre se cercate più tranquillità tra le spiagge meno caotiche (nonostante sia tra le più grandi) c'è Migjorn, un fascia di sabbia bianca e finissima e mare limpidissimo. Da non perdere anche Playa di Llevant e Cala Saona, piccolissima ma tra le più belle dell'isola. Shopping e divertimento Il centro principale è Sant Francesc Xavier, con la bella chiesa catalana settecentesca, molto frequentato durante il giorno pieno negozietti per lo shopping, mentre a La Savina c'è il porto. Da non perdere il caratteristico mercatino hippy a La Mola, ogni mercoledì e domenica, dove potrete trovare un po' di tutto: magliette, gioielli, prodotti alimentare tipici, oggetti d'arte e artigianato e molto altro. Atmosfera vintage anche nello storico locale La Fonda Pepe di Sant Ferran, un'istituzione da queste parti. Era il ritrovo degli hippy, ma ancora oggi vi si respira quell'aria, mangiando una paella buonissima e un'ottima sangria. La movida notturna vera e propria si svolge a Es Pujols, un tempo tranquillo villaggio di pescatori, oggi pieno di bar, ristoranti e locali, tra cui il notissimo Bananas, lounge bar alla moda aperto fino alle quattro del mattino, molto frequentato da ospiti famosi. Aperitivo al chiringuito e prelibatezze locali Immancabile l'appuntamento con l'aperitivo in uno dei tanti chiringuitos sulla spiaggia, i tipici bar in legno dove socializzare e ballare tra caraffe di vino bianco e bicchieri di mojito e dove godersi lo spettacolare tramonto sul mare. Il Big Sur, sulla strada da Es Pujols a La Savina, offre l'aperitivo più "in" dell'isola, frequentatissimo tra musica chillout e cocktail esotici. E per la cena, pesce, frutti di mare, arroz negro (risotto al nero di seppia) o polpo in umido. Magari accompagnati da una sangria ghiacciata. Calciatori e veline, ma non solo Il boom Formentera ha colpito i vip di casa nostra. Sono ormai degli habitué Bobo Vieri e Melissa Satta, ma anche Davide Bombardini e Giorgia Palmas. E sono stati spesso avvistati il giocatore della Nazionale Andrea Barzagli, Alessia Marcuzzi, Michelle Hunziker e Paolo Bonolis. Ma l'isola ha rubato il cuore anche a vip più radical chic. Uno su tutti, l'architetto e designer francese Philippe Stark, che qui possiede una casa bellissima. È facile incontralo in giro con la sua borsa di paglia o trovarlo al Fonda Pepe a sorseggiarre la hierba, un liquore isolano. Un arcipelago per tutti i gusti Nel Mar Mediterraneo occidentale, tra la Spagna e la costa nordafricana, l'arcipelago delle Baleari comprende quattro isole principali compresa Formentera.Maiorca: è l'isola più grande, dove si trova la capitale, l'elgante Palma con l'incantevole centro storico, uno dei centri turistici principali dell'arcipelago. Maiorca si caratterizza per la varietà del paesaggio, tra mare e montagna: la costa nord-orientale è dominata dalle montagne della Serra de Tramuntana, che con le sue rientranze forma bellissime spiagge e calette; quella meridionale è invece la parte turisitica più rinomata.Minorca: è la meno turistica e la più tranquilla delle Baleari. È stata dichirata dall'UNESCO Riserva della Biosfera, per tutelarne le aree ecologiche e i siti archeologici. È l'isola più verde del Mediterraneo. Ideale per chi ama la vela e il surf.Ibiza: è sinonimo di discoteche. È l'isola del divertimento e della movida per eccellenza, ma offre anche la tranquillità e la bellezza di spiagge assolate, mare limpido e una natura tutta da scoprire. Un tempo si chiamava Isola del Sale, per la presenza delle Saline (Ses Salines), oggi parco naturale considerato Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Divertimento Big SurPlaja de Ses IlletesAperitivo al tramonto e piatti italiani a pranzo. Uno dei locali più trendy di tutta Formentera. Es PujolsBananas & Co.Nel pieno del centro turistico di Es Pujols, cocktail, balli e divertimento. Aperto fino alle 4 del mattino. Dove mangiare Fonda PepeCarrer Mjor 55Sant Ferran de Ses RoquesTel. 971 328033Da maggio a ottobreEconomico, famoso e frequentatissimo, molto hippy e un po' retrò. Piatti di pesce al forno e saporita paella.Pequeña IslaAvd. El Pilar, 101El Pilar de la MolaTel 971 327 068€ 30-35Tra i migliori di Formentera. Ricette tradizionali dell'isola: piatti di pesce fresco alla griglia, piatti di carne, paella. RigatoniCalle Fonnol Mari 1Es-PujolsTel. 971 328351Lungo la spiaggia di Es Pujols, con terrazza sul mare. È gestito da italiani.Offre cucina tipica italiana, pasta fresca, pizza e le migliori specialita' di pesce fresco tutto rigorosamente "italian style". Dove dormire Es Ram ResortCamí d'Es Ram, km 13.5 carretera La Mola.Tel. 606 874429Struttura composta da un gruppo di esclusive viviendas (ville) a pochi passi dal mare. Punto fitness nel parco.A partire da 600 euro a persona per 7 notti in camera doppia.www.esramresort-formentera.com Casa Patrick Es Cap de BarbariaTel. 0034 97.13.23.077Per 8/10 persone. Tipica finca in pietra ristrutturata, per 8/10 persone, con terrazze con vista bosco, campagna e uno scorcio di mare.A partire da 325 euro (per un minimo di 7 giorni). Hostal La SavinaAvenida Mediterranea 22-40La Savinatel. 971 322 279Piccolo albergo a gestione familiare, molto caratteristico, si trova a circa 1.500 metri dalle rinomate spiagge di Illetas. A partire da 65 euro la camera doppia.www.hostal-lasavina.com
CONDIVIDI
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv