alice lifestyle leonardo marcopolo

Novembre sembra davvero essere il mese ideale per partire alla volta dell’Umbria e dei suoi sapori, visto che dal 1° del mese torna Frantoi Aperti. Arrivata alla sua XV edizione, la manifestazione, che si concluderà il 9 dicembre, coinvolge tutta la regione in sei fine settimana interamente dedicati all’olio, tra i prodotti enogastronomici più apprezzati del territorio.

La sua storia è millenaria, visto che la coltivazione dell’olivo risale all’epoca degli Etruschi e che, al tempo dei Romani, quello umbro era considerato uno degli oli più pregiati. In effetti, grazie alle particolari condizioni climatiche che consentono una maturazione molto lenta del frutto, l’olio della regione si caratterizza per un tasso di acidità estremamente basso, dovuto anche al fatto che la raccolta avviene all’inizio della maturazione (periodo che corrisponde all’inizio del mese di novembre) e non più al termine, in modo che il gusto sia fruttato e che si adatti al meglio alle preparazioni dei piatti regionali, semplici e genuini. Cinque sono le zone dell’olio dop: i Colli del Trasimeno, i Colli Orvietani, i Colli Amerini, i Colli di Assisi-Spoleto e quelli Martani (quest’ultima è quella che comprende la maggior parte della località del nostro itinerario) e tantissime le iniziative pensate per questa edizione di Frantoi Aperti, che si possono conoscere anche scaricando una App per smartphone, studiata per condurre il visitatore nei luoghi più suggestivi dell’Umbria e fargli scoprire tutto il ricchissimo programma di eventi.

Si va dalle degustazioni ai banchetti veri e propri, dalle lezioni di taglio e cucito a quelle di scrittura creativa, dalle conferenze alle mostre fotografiche, dalle visite guidate dei borghi medievali fino ai giochi organizzati per i più piccoli, oltre, ovviamente, alla possibilità di scoprire i frantoi della regione, per conoscere tutti i segreti dell’olio… e assaggiarlo, magari su una fetta di pane appena sfornata, per cogliere appieno il suo gusto unico. Per ogni altra informazione, e per consultare il programma, visitate il sito www.frantoiaperti.net