Diari di viaggio
Articoli

Abu Dhabi: la Grande Moschea Sheikh Zayed

Asia

La Grande Moschea Sheikh Zayed di Abu Dhabi è una delle attrazioni più maestose del mondo. Vediamo la costruzione, le caratteristiche e alcune informazioni sulla Grande Moschea Sheikh Zayed di Abu Dhabi. Abu Dhabi è la capitale degli Emirati Arabi Uniti e primeggia per il lusso e la ricchezza. Tra tutte le opere e le attrazioni di spicco della città, si distingue per eccezionalità la Grande Moschea Sheikh Zayed, un capolavoro architettonico voluto da Sua Eccellenza Sheikh Zayed Bin Sultan Al Nahyan, l'allora presidente degli Emirati Arabi Uniti e regnante di Abu Dhabi da cui prende il nome l'opera. Un nome, dunque, di spessore, essendo considerato il padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti e che necessitiva - per ben rappresentare la sua importanza per gli arabi - di un'opera indimenticabile e in grado di assurgere a simbolo della città. La costruzione della Grande Moschea Sheikh Zayed Partendo da un disegno marocchino, arricchito poi - soprattutto nei muri esterni - dalle tradizioni del design turco, la costruzione della Grande Moschea Sheikh Zayed comincia nel 1996 con lo scopo di diventare un'opera che "unisca il mondo" usando, per questo, artigiani e materiali provenienti da diversi Paesi come Italia, Germania, Marocco, India, Turchia, Iran, Cina, Grecia e gli stessi Emirati Arabi. La costruzione della Grande Moschea Sheikh Zayed termina nel 2007. Le caratteristiche della Moschea di Abu Dhabi [caption id="attachment_30184" align="alignnone" width="622"] I maestosi interni della Grande Moschea Abu Dhabi[/caption] La moschea può ospitare fino a 40.960 fedeli grazie ai suoi 22.412 metri quadrati di superficie che la rendono paragonabile per misura a 5 campi di calcio. La sua maestosità è esaltata dalle 82 cupole decorate in marmo bianco dal design di tradizione marocchina, di cui quella principale ha un diametro esterno di 32.8 metri e un'altezza di 70 metri all'interno e di 85 all'esterno, dagli spettacolari mosaici italiani che ricoprono il cortile interno (17.000 metri quadrati), dai sette lampadari in oro 24 carati, con centinaia di cristalli Swarovski - fra cui, sotto la cupola principale, il lampadario più grande del mondo con 10 metri di diametro e 15 metri d'altezza per un peso di 9 tonnellate -, dal più grande tappeto fatto a mano del mondo della misura di 7.119 metri quadrati, dalle decorazioni dei muri interni con tessere di mosaico in vetro e oro 24 carati, dalle oltre 1096 colonne rivestite con pannelli di marmo fatti a mano ricoperti di pietre semi preziose, come lapislazzuli, ametiste, madreperla. Un impatto di prestigio e magnificenza che delizia gli occhi dei tanti visitatori che ogni anno affollano la Grande Moschea Sheikh Zayed di Abu Dhabi. Informazioni Grande Moschea Sheikh Zayed [caption id="attachment_30185" align="alignnone" width="622"] La magica atmosfera serale della Grande Moschea[/caption] La Grande Moschea Sheikh Zayed è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 22. Le attività turistiche sono chiuse tutti i venerdì mattina e riaprono alle 16.30. La Moschea è inoltre chiusa il primo giorno delle vacanze Eid Al Fitr & Eid Al Adha. L'entrata è gratuita, ma bisogna rispettare il codice d'abbigliamento indossando abiti lunghi e per niente aderanti, con pantaloni o gonne lunghi almeno fino alle caviglie. Le donne devono indossare un copricapo. Maggiori informazioni in quest'immagine esplicativa. All'interno della Grande Moschea di Abu Dhabi non è consentito fumare, mangiare o bere. Persino l'acqua non è consentita: il motivo è quello di preservare alcune componenti architettoniche della struttura particolarmente delicate, come i marmi e il tappeto. Foto e video della Grande Moschea Sheikh Zayed di Abu Dhabi sono consentiti per uso personale; per uso professionale bisogna compilare un'apposita domanda per ottenere un permesso. Sono disponibili anche dei tour guidati della durata di 45-60 minuti in inglese ed arabo.

CONDIVIDI

Wartburg, benvenuti nel "castello ideale"

Europa

Come vi immaginate il “castello ideale”? Come dovrebbe essere? Siamo certi che se vi venisse chiesto di disegnarlo, il risultato somiglierebbe molto alla Fortezza di Wartburg, che si trova in Germania, presso Eisenach. Non è un caso che proprio la sua rispondenza all’archetipo del castello ideale abbia convinto nel 1999 la giuria dell'Associazione dei Beni Patrimonio Universale UNESCO a includere la Fortezza di Wartburg nella lista. [caption id="attachment_30138" align="alignnone" width="622"] Il fastoso salone delle feste nella fortezza di Wartburg[/caption] La Fortezza di Wartburg: dove, come, quando La Fortezza di Wartburg fu costruita a partire dal 1073  a nord della foresta della Turingia, presso l’abitato di Eisenach, città natale di Johann Sebastian Bach. La parte più antica del castello è il palazzo romano, il più antico nel suo genere di tutta la Germania. Pare che  il sovrano Ludwig II di Baviera si sia proprio ispirato alla Fortezza di Wartburg quando diede l’ordine di edificare il suo fiabesco castello di Neuschwanstein. Personaggi storici legati alla Fortezza di Wartburg Sono tanti i personaggi storici che hanno soggiornato, a vario titolo e in varie epoche, presso la Fortezza di Wartburg. A cominciare da Goethe, viaggiatore indefesso, che descrisse la regione nella quale si erge la fortezza come “eccezionalmente bella”. Ma a Wartburg soggiornò anche Santa Elisabetta, una delle figure di maggiore spicco di tutto il Medioevo, come anche Martin Lutero, che proprio a Wartburg portò a compimento la sua traduzione del nuovo testamento. Anche il grande compositore Richard Wagner si lasciò ispirare dalle atmosfere di Wartburg durante la composizione della sua opera Tannhäuser. Ma su tutti, Johann Sebastian Bach, la cui casa natale a Eisenach è oggi aperta al pubblico e ospita rappresentazioni musicali composte con strumenti originali dell’epoca [caption id="attachment_30139" align="alignnone" width="622"] D'estate la fortezza di Wartburg diventa teatro di diversi eventi culturali[/caption] Cosa visitare nei dintorni della Fortezza di Wartburg? Sono tante le escursioni che si possono fare intorno ad Eisenach e alla Fortezza di Wartburg. Si può visitare la casa di Lutero, oggi trasformata in un museo che ne illustra la vita e l’opera. Di tutt’altro genere, ma ugualmente interessante,  è il museo dell’automobile di Esienach, che custodisce tra l’altro alcuni antichi modelli di automobile risalenti al lontano 1898. Il tutto per non parlare delle bellissime passeggiate nel bosco della Turingia, con percorsi naturalistici interessanti e perfetti per gli amanti del trekking. Eisenach e la Fortezza di Wartburg – Info utili e consigni Se deciderete di raggiungere Eisenach e visitare la Fortezza di Wartburg, sappiate che tutti gli anni, tra marzo e aprile, il calendario degli eventi culturali si arricchisce grazie alle tante manifestazioni (concerti di organi, cantate, oratori ecc.) legati alle settimane turingiane di Bach. Nel periodo natalizio inoltre, Eisenach ospita un pittoresco mercatino storico proprio nella fortezza di Wartburg, nella cui Sala della Festa si tengono anche numerosi concerti a tema natalizio. [caption id="attachment_30140" align="alignnone" width="622"] Rappresentazione del Tannhäuser di Wagner a Wartburg[/caption] Eisenach, come arrivare. Dall’Italia si può volare fino a Francoforte e da lì, con due ore di treno, raggiungere Eisenach. Un po’ più distanti sono gli aeroporti di Monaco (5 ore in treno) e Berlino (3 ore). Sia i treni ICE che gli IC/CE arrivano nel centro di Eisenach. Per ulteriori informazioni: www.wartburg.de.

CONDIVIDI

Louvre Abu Dhabi, 300 opere per la collezione 2015

Asia

Il museo Louvre Abu Dhabi inaugura nel 2015 con una vasta quantità di opere in esposizione permanente e circa altre 300 in prestito dalle più importanti istituzioni parner francesi in occasione del primo anno di apertura del museo emiratino. Museo Louvre Abu Dhabi Il museo più visitato del mondo dà il nome ad un nuovo centro espositivo che si candida a diventare uno dei più importanti del Medioriente e del mondo. Il museo Louvre Abu Dhabi, disegnato dal vincitore del premio Pritzker Jean Nouvel, nasce da un accordo tra Abu Dhabi e Francia siglato nel 2007: la sua apertura è stata posticipata più volte data la grandezza del progetto, ma è ormai certo che il 2015 sarà l'anno dell'inaugurazione. Il Louvre Abu Dhabi mira a diventare il primo museo universale del mondo arabo in cui viene esaltato lo spirito di comunione e dialogo tra culture diverse. La collezione permanente di opere del museo emiratino comprende pezzi d’arte, manoscritti e oggetti di significato storico, culturale e sociale dalle età antiche a quelle contemporanee. [caption id="attachment_29960" align="alignnone" width="622"] La cupola del museo Louvre Abu Dhabi copre anche parte dell'esterno del museo[/caption] La costruzione del Louvre Abu Dhabi è ancora in corso ma procede spedita: la cupola, che si appresta a diventare una nuova icona della cultura mondiale, è quasi completata e in posizione. Il museo sarà costruito su un’area di 64.000 mq e concepito come un susseguirsi di padiglioni, piazze e canali, evocando l’immagine di una città fluttuante sul mare. Il tutto sarà sovrastato da una cupola incredibile: 180 metri di diametro e un intreccio molto particolare che diffonderà all’interno del museo Louvre Abu Dhabi una luce e un'atmosfera uniche. Opere in esposizione per la collezione 2015 Louvre Abu Dhabi ha reso noto che, oltre alla sua collezione permanente, per il suo primo anno riceverà in prestito circa 300 opere provenienti dalle istituzioni francesi. Tra le opere provenienti dalla Francia che saranno in esposizione al museo Louvre Abu Dhabi risaltano Ritratto di donna sconosciuta di Leonardo da Vinci (circa 1495), noto anche come La Belle Ferronnière, in prestito dal Musée du Louvre; Il Pifferaio di Edouard Manet (1866); La stazione Saint-Lazare di Claude Monet (1877) dal Musée d’Orsay et de l’Orangerie, Still Life with Magnolia di Henri Matisse (1941) dal Centre Pompidou. La selezione delle opere è stata supervisionata da Abu Dhabi Tourism & Culture Authority (TCA Abu Dhabi), Agence France-Muséums (AFM) e dai musei stessi in linea con la direzione scientifica e il programma culturale del Louvre Abu Dhabi. Le istituzioni francesi che hanno concesso i prestiti sono tra le più importanti d'Europa: Musée du Louvre, Musée d’Orsay et de l’Orangerie, Centre Pompidou, Musée du quai Branly, Musée national des arts asiatiques Guimet, Château de Versailles, Musée Rodin, Bibliothèque nationale de France, Musée de Cluny - musée national du Moyen Âge, Cité de la Céramique Sèvres, Musée des Arts décoratifs, Musée d’archéologie nationale de St Germain en Laye e Château de Fontainebleau. Sua Eccellenza Sheikh Sultan bin Tahnoon Al Nahyan, presidente di Abu Dhabi Tourism & Culture Authority (TCA Abu Dhabi), che gestisce il Louvre Abu Dhabi, commenta così l'importante notizia: “Questi straordinari prestiti dai nostri partner francesi testimoniano la collaborazione e lo scambio simbolici del Louvre Abu Dhabi e dei suoi progressi fin ora. Questa sarà la prima volta che molte di queste opere viaggiano verso gli Emirati Arabi Uniti e sono una rara opportunità di ammirare importanti opere d’arte di musei francesi che dialogano con le collezioni del Louvre Abu Dhabi. Speriamo così di offrire ai visitatori un’esperienza unica da diverse prospettive, ponendo l’accento sullo spirito universale dell’intero progetto”. Fleur Pellerin, ministro francese per la Cultura e la Comunicazione, sottolinea l'importanza del dialogo tra i popoli che questa iniziativa mira a rinforzare: “l’annuncio delle opere francesi in prestito segue l’accordo siglato dai due governi degli Emirati Arabi Uniti e della Francia nel 2007 per l’apertura del Louvre Abu Dhabi e rappresenta un grande passo in avanti per questo straordinario progetto.  Le opere prestate dei musei e istituzioni partner francesi danno il via al dialogo tra diversi popoli e diverse culture in uno spirito di universalismo che la Francia è orgogliosa di promuovere nel mondo”. Informazioni sulle Istituzioni coinvolte [caption id="attachment_29962" align="alignnone" width="622"] Ecco come sarà il Louvre Abu Dhabi con la sua immensa cupola[/caption] ABU DHABI TOURISM & CULTURE AUTHORITY Abu Dhabi Tourism & Culture Authority conserva e promuove il patrimonio e la cultura dell’Emirato di Abu Dhabi ponendoli al centro dello sviluppo di una destinazione di livello, sostenibile e distintiva, che arricchisce la vita di visitatori e residenti. L'autorità gestisce il profilo turistico dell'Emirato e commercializza la destinazione a livello internazionale attraverso una vasta gamma di attività volte ad attirare visitatori e investitori. Le sue politiche, piani e programmi sono relativi alla conservazione del patrimonio e della cultura, compresi la protezione di siti archeologici e storici e lo sviluppo di musei, tra cui il Louvre Abu Dhabi, lo Zayed National Museum e il Guggenheim Abu Dhabi. L'autorità sostiene le attività intellettuali e artistiche e gli eventi culturali per far crescere il ricco patrimonio culturale e l'onore dell'Emirato. Un ruolo chiave dell’l'autorità è di creare sinergia nello sviluppo della destinazione attraverso uno stretto coordinamento con la sua ampia base di stakeholder. www.visitabudhabi.ae TCA Abu Dhabi Media Relation  (Weber Shandwick) Dora Paradies - Maria Antonietta Morello - Eleonora Carruolo +39 02 57378315 italy@tcaabudhabi.ae SU SAADIYAT CULTURAL DISTRICT Saadiyat Cultural District su Saadiyat Island, ad Abu Dhabi, è un’area totalmente dedicata alla grande cultura internazionale. Un progetto ambizioso che accoglierà visitatori provenienti da ogni parte del mondo. I suoi iconici edifici museali saranno un punto di riferimento internazionale: Zayed National Museum, Louvre Abu Dhabi e  Guggenheim Abu Dhabi. Questi musei saranno affiancati da istituzioni dell’arte e della cultura locali e regionali insieme a centri di ricerca ed università. SU AGENCE FRANCE-MUSÉUMS Agence France-Muséums, presieduto da Marc Ladreit de Lacharrière, è un’organizzazione creata per la realizzazione del Louvre Abu Dhabi e in partnership con le Istituzioni francesi. Ad AFM è stato affidato il compito di portare avanti gli impegni della Francia verso il progetto del museo universale del Louvre Abu Dhabi e coordinare le competenze delle istituzioni culturali francesi coinvolte. L’organizzazione fornisce servizi di consulenza alle autorità degli Emirati Arabi Uniti nelle aree di definizione scientifica e culturale del progetto, assistenza nella gestione dei progetti, coordinamento dei beni in prestito dalle collezioni francesi e organizzazione di mostre temporanee, oltre alla creazione della collezione permanente, all’assistenza museografica e al supporto per la definizione delle policy per i visitatori. MUSEI PARTNER Musée du Louvre : www.louvre.fr/en Musée d’Orsay et de l’Orangerie : www.musee-orsay.fr/en/  www.musee-orangerie.fr Centre Pompidou : www.centrepompidou.fr/en Musée du quai Branly : www.quaibranly.fr/en/ Musée national des arts asiatiques Guimet : www.guimet.fr/en/ Château de Versailles : www.chateauversailles.fr Musée Rodin : www.musee-rodin.fr/en Bibliothèque nationale de France : www.bnf.fr/en/tools/a.welcome_to_the_bnf.html Musée de Cluny - musée national du Moyen Âge : www.musee-moyenage.fr/ Cité de la Céramique Sèvres : www.sevresciteceramique.fr/ Musée des Arts décoratifs : www.lesartsdecoratifs.fr/english-439/ Musée d’archéologie nationale de St Germain en Laye : www.musee-archeologienationale.fr/ Château de Fontainebleau : www.chateaudefontainebleau.fr CANALI SOCIAL UFFICIALI DEL LOUVRE ABU DHABI •    https://www.facebook.com/LouvreAbuDhabi •    https://twitter.com/LouvreAbuDhabi •    http://instagram.com/LouvreAbuDhabi

CONDIVIDI

Europa

Se non avete ancora scelto dove andare il prossimo Natale e se siete amanti dei mercatini natalizi, prendete in considerazione la città tedesca di Bamberga (Bamberg, in tedesco) La città di Bamberga è uno dei numerosi gioielli artistici e culturali che la Baviera può vantare ed è non a caso protetta dall'UNESCO come città patrimonio culturale mondiale per il suo ampio centro storico medievale rimasto miracolosamente intatto nei secoli. Visitare Bamberga in inverno L’inverno regala alla città di Bamberga un fascino davvero unico. Oltre ad essere proverbialmente associata alla birra, infatti, Bamberga è considerata la città del presepe e dei mercatini di Natale. Ogni anno, nel periodo natalizio, alle tante attrazioni che la città normalmente offre, si aggiunge infatti la Città del Presepe. Nel tempo dell’Avvento, la tradizione vuole che a Bamberga vengano allestiti numerosi presepi, uno più bello dell’altro. L’usanza di allestire il presepe a Bamberga affonda le radici  nel quattordicesimo secolo e fu sostenuta in particolar modo dall’ordine dei Gesuiti. Da allora la sfida che si rinnova ogni anno è quella di far sì che  il numero dei presepi a Bamberga non diminuisca rispetto all’anno precedente, ma che anzi aumenti anno per anno. La “Città del Presepe” di Bamberga Una delle tappe più importanti nella Città del Presepe è infatti quella che passa per il Museo Diocesano, che si trova nella cappella capitolare accanto al Duomo (al cui interno sono custoditi tesori di inestimabile valore come il mantello dell’imperatore e la tomba di Papa Clemente II) Il grande fascino della città con le sue viuzze silenziose, le facciate degli edifici innevate e decorate a festa, i presepi che sembrano contendersi pacificamente la palma del più bello e l’atmosfera natalizia rappresentano sicuramente una motivazione per scegliere questa città come destinazione ideale per le vacanze natalizie. Il mercato di Natale a Bamberga Nel cuore di Bamberga, sulla Piazza Maximiliansplatz, si svolge ogni anno il principale mercatino natalizio, amatissimo dai visitatori di tutte le età. Ma Bamberga offre altri quattro mercatini di artigianato natalizio durante i weekend dell’Avvento.. Il presepe allestito tradizionalmente all’interno del mercato fa parte della Cittá del Presepe. Passeggiando fra le bancarelle che offrono ogni sorta di articoli legati al Natale, i visitatori possono gustare le specialità  regionali come il pan forte oppure il vin brulè e nel frattempo scegliere souvenir e regali, frutto della tradizione artigiana locale, per amici e parenti, accompagnati dalla musica di zampogne e cornamuse che intonano i più classici motivi del periodo natalizio, che scaldano il cuore. Per saperne di più, visita il sito www.germany.travel
CONDIVIDI

Asia

Abu Dhabi offre un'esperienza indimenticabile in occasione del Gran Premio di Abu Dhabi 2014 che attira un importante flusso turistico; sono disponibili pacchetti completi per l'Italia con volo, trasferimento da e per l'aeroporto, sistemazione in hotel e ingresso al circuito di Yas Marina. Il Gran Premio di Formula 1 di Abu Dhabi del 2014 si svolge dal 21 al 23 novembre sul circuito di Yas Marina, sull'isola Yas. Si tratta della sesta edizione del GP di Abu Dhabi ed è l'ultima gara della stagione. L'edizione 2014 è ancora più spettacolare poiché mette in palio il doppio dei punti per i piloti. La sua capienza è aumentata di ben 5 mila unità rispetto allo scorso anno, potendo ospitare ora fino a 60 mila spettatori. Altri 3.000 posti saranno disponibili sul prato dell’Abu Dhabi Hill, mentre il Paddock Club potrà ospitare altri 1.500 spettatori. Sono disponibili dei pacchetti per il fine settimana del Gran Premio, per un'esperienza sociale e sportiva senza precedenti: tutti i possessori del biglietto possono, infatti, assistere ai concerti di artisti internazionali che si esibiscono ogni sera alla du Arena e partecipare ad un sorteggio che permette di vincere un biglietto andata e ritorno per due persone in classe economica a bordo del Boeing 787 Dreamliner. Gli artisti in concerto al du Arena, Yas Island [caption id="attachment_29571" align="alignnone" width="571"] I The Who saranno all'Isola di Yas in occasione del GP di Abu Dhabi 2014[/caption] DJ Armin van Buuren Venerdì 21 novembre, per il concerto dopo gara, il Dj di fama mondiale Armin Van Buuren, re del dance floor, intratterrà il pubblico con uno spettacolo creato appositamente per questa occasione. Van Buuren animerà la serara con vari successi, tra cui il recente This Is What It Feels Like. Il cantauore Pharrell Williams Produttore a metà degli anni '90 , Pharrell Williams ha cambiato il volto della moderna musica pop, diventandone un rappresentante di spicco. Con hits che attraversano idoli pop come Britney Spears e leggende hip - hop come Jay Z, oltre che con i suoi lavori da solista - tra i recenti Happy, Marilyn Monroe e Come Get it Bae -. La tappa di Abu Dhabi in occasione del Gran Premio 2014 si inserisce nel calendario del suo “Dear girl” tour. Le leggende del rock: THE WHO C'è poco da aggiungere: uno dei gruppi più influenti per la scena musicale americana e britannica, la leggendaria band ha inserito Abu Dhabi come tappa nel tour WHO HITS 50. I pacchetti turistici per il GP di Abu Dhabi 2014 [caption id="attachment_29572" align="alignnone" width="622"] Abu Dhabi è un perfetto mix di modernità ed intrattenimento[/caption] NAAR - Pacchetti a partire da 960 euro Partenze da Milano Malpensa dal 20 al 25 novembre 2014 con Etihad Arirways Hotel CITY SEASONS AL HAMRA ****- 4 notti con 1ª colazione trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto Biglietto Ingresso al circuito sabato e domenica c/o Abu Dhabi Hill La quota non comprende: tasse aeroportuali circa € 330 a persona, trasferimenti Abu Dhabi hotel/circuito e viceversa, quota apertura pratica, assicurazioni, mance, extra di carattere personale e tutto quanto non previsto alla voce la quota comprende. www.naar.com TURISANDA – Pacchetto da 2.620 euro Partenze da Milano con Etihad Airways  – Viaggio di 5 giorni / 4 notti YAS VICEROY HOTEL ***** - l’iconico hotel unico al mondo a cavallo del circuito di F1. Camera Deluxe – pernottamento e prima colazione Trasferimenti privati inclusi. trasferimenti da e per l’aeroporto, kit da viaggio Turisanda. La quota non comprende:  tasse aeroportuali circa 300 euro, quota individuale gestione pratica 60 euro, assicurazione e visto (se non italiani) secondo quanto specificato in catalogo. www.turisanda.it IDEE PER VIAGGIARE  -Pacchetto da 1.460 euro Partenze da Milano/Roma con Etihad Airways  – Viaggio di 5 giorni / 4 notti Hotel 4 stelle  – pernottamento e prima colazione trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto Biglietti per qualifiche  la gara validi 2 gg, assistenza ufficio locale La quota non comprende:  tasse aeroportuali spesa apertura pratica assicurazione e spese di annullamento www.ideeperviaggiare.it
CONDIVIDI

Asia

Scopriamo il Gran Premio di Formula 1 di Abu Dhabi, il suo circuito Yas Marina sull'isola Yas - poco distante da Abu Dhabi e ricca di parchi tematici - e come arrivarci. Il Gran Premio di Abu Dhabi [caption id="attachment_29569" align="alignnone" width="622"] Il GP di Abu Dhabi risulta spesso decisivo per l'assegnazione dei titoli Mondiali[/caption] Il Gran Premio di Abu Dhabi si svolge sul circuito di Yas Marina ed è uno dei più interessanti della Formula 1, sia dal punto di vista sportivo che da quello turistico. Si svolge dal 2009 e la sua importanza è dovuta al fatto di essere uno degli ultimi - spesso l'ultimo - Gran Premio del Campionato, risultando così essenziale per la classifica finale Piloti e Costruttori. Ha anche un fascino particolare dovuto al fatto di cominciare con la luce del sole e terminare al buio, a differenza - ad esempio - del Gran Premio di Singapore che si svolge interamente di notte. Dal punto di vista turistico, il Gran Premio di Abu Dhabi è sicuramente degno di nota, svolgendosi sull'isola artificiale di Yas (Yas Island), tra parchi a tema e hotel extralusso; l'Isola dista solo 30 minuti dalla città di Abu Dhabi e i suoi luoghi di interesse. Sull'isola di Yas sono presenti numerosi parchi a tema, come quello cinematografico Warner Bros (Warner Bros Movie World) e quello automobilistico (Ferrari World Abu Dhabi) grande 86 mila m2, contenente una pista, un teatro, 20 attrazioni, un cinema 3D, una galleria di auto storiche, una riproduzione del paddock e l'Italia in miniatura. Circuito di Yas Marina sull'isola Yas [caption id="attachment_29566" align="alignnone" width="622"] Il circuito di Yas Marina circondato da parchi tematici - Isola di Yas[/caption] Si tratta di un circuito avveniristico e all'avanguardia, sponsorizzato da Etihad Airways e di proprietà del governo di Abu Dhabi. Composto da 21 curve ognuna delle quali dà emozioni uniche, come dichiarate da Nico Rosberg e Fernando Alonso, il circuito di Yas Marina del Gran Premio di Abu Dhabi offre ben cinque tribune per un totale di circa 60 mila posti: Main Grandstand (tribuna principale), West Grandstand (tribuna ovest), North Grandstand (tribuna nord), South Grandstand (tribuna sud) and Marina Grandstand (tribuna Marina). Altri 3 mila posti sono disponibili sul prato dell'Abu Dhabi Hill, mentre il Paddock Club può ospitare altri 1.500 spettatori. Una peculiarità del circuito diventata celebre è l'uscita dei box che passa sotto la pista. In occasione dei Gran Premi, inoltre, l'isola di Yas offre un'incredibile programma di eventi, concerti e spettacoli per l'intrattenimento degli spettatori: artisti internazionali di spicco, ad esempio, si esibiscono ogni sera alla du Arena. Scopri le migliori offerte e i pacchetti di viaggio per Abu Dhabi e il GP di Formula 1 Come raggiungere l'isola di Yas [caption id="attachment_29567" align="alignnone" width="622"] L'Isola di Yas a circa 30 minuti da Abu Dhabi[/caption] Per raggiungere l'isola di Yas e il circuito di Yas Marina ad Abu Dhabi, innanzitutto bisogna raggiungere Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi, famosa per il pluripremiato Aeroporto Internazionale. I cittadini italiani e di altri paesi europei possono ottenere un visto d'ingresso gratuito all'arrivo presso l'Aeroporto Internazionale. Sono presenti comunque altri quattro aeroporti: l'Aeroporto Internazionale di Al Ain, l'Aeroporto Militare di Al Bateen, l'Aeroporto di Sir Bani Yas Island e l'Aeroporto di Delma Island. Attenzione a non confondersi: l'Aeroporto di Sir Bani Yas Island non si trova sull'isola di Yas, ma su Sir Baniyas Island che si trova parecchi chilometri più a ovest. Per l'elenco di compagnie che operano all'Aeroporto Internazionale di Abu Dhabi - collegandolo con circa 85 città e 50 paesi - basta visitare il sito ufficiale: Alitalia, ad esempio, è operativa presso il Terminal 1. Prenotando con molto anticipo si possono trovare voli dall'Italia per Abu Dhabi a circa 140€ a tratta con scalo, oppure diretti da Malpensa e Fiumicino a partire da 250€ a tratta con Etihad Airways o Alitalia. Sia per raggiungere l'isola di Yas da Abu Dhabi sia per andare dall'Aeroporto Internazionale al centro di Abu Dhabi è possibile noleggiare un'auto, prendere il taxi o spostarsi con i mezzi pubblici - magari utilizzando l'efficiente mappa interattiva di Abu Dhabi -. Gli autobus di Abu Dhabi sono moderni e dotati di aria condizionata. Per raggiungere il centro città dall'aeroporto basta prendere l'autobus A1 (corse h24, in media ogni 45'). Non esistono linee metropolitane per spostarsi, per cui bisognerà contare sui pullman - che risultano comunque capillari ed efficaci - o sui taxi. Sono proprio i taxi il servizio più utilizzato e - incredibilmente - anche economico: dall'aeroporto, ad esempio, sono disponibili sia "a tassametro", sia in versione "limousine a tariffa fissa" - i primi sono più convenienti -. Durante un evento come il Gran Premio di Formula 1, c'è una particolare tassa di 20 AED (Dirham, la valuta utilizzata negli Emirati Arabi Uniti), pari comunque a meno di 5€, per chi utilizza il taxi.  - Cosa vedere a Abu Dhabi
CONDIVIDI
Video
Segui MarcoPolo su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv